Input your search keywords and press Enter.

Trekking per le ferrovie dimenticate

Quelli di Co.Mo.Do, Confederazione Mobilità Dolce, hanno deciso di dedicare loro una giornata nazionale. E domenica 7 marzo , tutti in festa per la Terza giornata nazionale delle dimenticate. Tratte ferroviarie cadute in disuso, presenti quasi in ogni regione italiana, cui sono stati riservati numerosi appuntamenti, dal Nord al Sud dello Stivale, isole comprese. Solo in Puglia, per esempio, la tratta Gioia del Colle-Palagianello, Gallipoli-Alezio, Maglie-Otranto, i sentieri del Parco Regionale delle Dune Costiere tra Torre Canne e Torre S.Leonardo, da stazione Fontevecchia-Masseria Fontenuova e la Riserva Regionale Palude La Vela-Masseria San Pietro sul Mar Piccolo.

<p>un particolare di una vecchia locomotiva</p>

un particolare di una vecchia locomotiva

<p>Un particolare di una locomotiva</p>
Un particolare di una locomotiva

Perché poi interessarsi di ferrovie abbandonate? In Italia, il patrimonio ferroviario dismesso ammonta ad oltre 6.000 km di tracciati. Sono linee ferroviarie che hanno prestato un qualche servizio pubblico e oggi sono dismesse o comunque non più utilizzate per un regolare servizio passeggeri o merci. Oppure linee incompiute, mai entrate ufficialmente in servizio, come anche tratti abbandonati in seguito a varianti di tracciato.

Intanto, si aspettano evoluzioni dal disegno di legge 1170/2006 e dallo stanziamento di un fondo di 2 milioni di euro in Finanziaria 2008, per l’avvio di un programma di valorizzazione e di recupero delle ferrovie dismesse. L’idea è di destinare quei percorsi a itinerari ciclo-turistici, avviandone progetti di fattibilità per la conversione a uso ciclabile. Una trasformazione che non deve pregiudicare in nessun modo un successivo potenziale ripristino del servizio ferroviario, ma anzi deve consentire una più efficace conservazione del tracciato, difendendolo da situazioni di degrado e di abbandono, da abusi e da indebite occupazioni, rendendo inevitabilmente più agevole il recupero dell’originaria destinazione.

<p>lungo una tratta dismessa</p>

lungo una tratta dismessa

In Lombardia è allo studio la tratta Voghera-Varzi, in Liguria Ospedaletti-Sanremo, in Emilia Romagna Rimini-Novafeltria, in Veneto Treviso-Ostiglia, nelle Marche Fermo-Amandola, in Umbria Spoleto-Norcia, in Lazio Roma-Fiuggi e Capranica-Civitavecchia, in Puglia Gioia del Colle-Palagiano, in Calabria Lagonegro-Castrovillari, in Sicilia la Valle dell’Anapo e in Sardegna San Gavino-Montevecchio. Il progetto di mappatura delle ferrovie abbandonate, nonché il caldeggiare la riconversione di questi tracciati in percorsi verdi, è un’iniziativa sostenuta dall’associazione italiana Greenways (www.ferrovieabbandonate.it).

Logo_ferrovie_dimenticate_7Ma torniamo alla “Terza giornata nazionale delle ferrovie dimenticate”. A raccontarla ci penserà un concorso tra appassionati videomaker. Filmati di massimo tre minuti, in formato standard, secondo le specifiche normalmente usate per pubblicare video su YouTube. E infatti i lavori dovranno essere caricati dai partecipanti su You Tube e poi segnalati all’indirizzo email press@ferroviedimenticate.it Ai due finalisti andrà in premio un week-end estivo per due persone presso  località alpine. A seguire, libri e abbigliamento sportivo (ulteriori informazioni su www.ferroviedimenticate.it).

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *