Tre Gocce d’Oro al miele di coriandolo di Foggia

Foto di Steve Buissinne da Pixabay

Il primo premio del concorso Grandi Mieli d’Italia è andato di nuovo all’azienda Iannelli

 

Il miele di coriandolo è il migliore miele d’Italia e lo produce l’azienda Agricola Iannelli di Foggia. Con il suo colore ambrato e dorato, il suo profumo intenso, il gusto leggermente speziato, non ha avuto rivali. Eccellente per dolcificare, sublime con formaggi e selvaggina. A sancire quanto è già apprezzato da molti estimatori è stato il prestigioso concorso Grandi Mieli d’Italia che ha premiato il miele uniflorale di coriandolo della azienda foggiana con Tre Gocce d’Oro, il massimo riconoscimento.

Rigorosamente bio, prodotto nelle campagne di Reggente, tra Troia e Biccari, il miele dell’azienda apistica Iannelli Assunta è stato selezionato tra 54 mieli di coriandolo in concorso.

La manifestazione ha come obiettivo la valorizzazione del miele, della varietà e delle specificità proprie del prodotto italiano, l’incentivazione delle buone pratiche apistiche e la promozione delle aziende maggiormente attente alla qualità.

La cerimonia di consegna dei premi, presentata da Patrizio Roversi, si è tenuta domenica scorsa, 19 settembre, a Castel San Pietro Terme, in provincia di Bologna, sede dell’Osservatorio Nazionale Miele.

Il concorso, coordinato da Lucia Piana, biologa tra le massime esperte a livello mondiale di Analisi Sensoriale del Mieli, è organizzato dall’Osservatorio Nazionale Miele in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole. Ogni anno impegna decine di specialisti e giurie altamente qualificate per le analisi di selezione chimico-fisica e sensoriale.

I premi assegnati certificano qualità e provenienza. Una garanzia per il consumatore che al momento dell’acquisto è costretto a districarsi tra qualità e i prezzi stracciati di mieli esteri.

Per la famiglia Iannelli, guidata da Vincenzo Pavone, apicoltore professionale, è il riconoscimento all’appassionato e duro lavoro, ed arriva nel decennale dell’attività dell’azienda, già pluripremiata.

Il premio  di  quest’anno si  aggiunge ai  cinque vinti lo  scorso anno, e alle  tre medaglie d’oro  ed una d’argento assegnate dalla giuria internazionale di BiolMiel nel 2019.

Il premio La guida ai Grandi Mieli d’Italia del 2021 comprende ben 373 mieli premiati con Una, Due o Tre Gocce d’Oro, fra i 1.067 mieli partecipanti. Tutte le regioni italiane sono state rappresentate: quelle con il maggior numero di campioni sono state Sardegna (156 campioni), seguite da Lombardia (142 campioni), Puglia (111 campioni), Abruzzo (101 campioni) e Piemonte (91 campioni). I campioni riguardano ben 54 mieli uniflorali e 2 tipologie di millefiori (millefiori e millefiori di alta montagna delle Alpi). Il miele di castagno si è rivelata la tipologia uniflorale più abbondante, con 94 campioni in concorso. Maggiore rispetto ad altri anni la partecipazione dei mieli di tiglio (53 campioni), eucalipto (50 campioni) e coriandolo (44 campioni). Da rilevare che in linea con la drastica riduzione nella produzione di miele di acacia verificatasi nel 2021, si è quasi dimezzato (-47%) il numero di campioni di acacia (84 campioni) iscritti al Concorso. Meno del solito anche la partecipazione di alcune delle categorie abitualmente forti quali agrumi (15) e rododendro (14 campioni).

La Guida Tre Gocce d’oro 2021 fornisce le indicazioni di tutti i mieli premiati, mentre l’app Tre Gocce d’Oro, scaricabile gratuitamente, fornisce anche e la geolocalizzazione delle aziende produttrici.

Articoli correlati