Tra zona gialla e ‘Burian’, il weekend green in Puglia è ricco di eventi

Tra Alessano e Montesardo si va ad esplorare la Serra dei Cianci e il Villaggio Rupestre di Macurano

Tornata in zona gialla, la Puglia vede ridursi le limitazioni anche per spostamenti e uscite all’aria aperta. Ma c’è un altro colore pronto ad animare il fine settimana della regione: è il bianco della neve che potrebbe scendere copiosa in varie zone

È l’effetto “Burian”, il vento gelido che stringerà con la sua morsa l’intera Italia nei prossimi giorni. E così, l’Ecoweekend made in Puglia sarà condizionato anche dalle temperature meteorologiche.

Con queste indispensabili premesse – e l’invito, ormai consolidato a contattare i promotori delle iniziative per conoscere modalità, indicazioni e regole in tempi di Covid -, ecco qualche suggerimento per un fine settimana “green&white” .

Contrade d’inverno

Puglia Trekking riprende i suoi appuntamenti con le passeggiate naturalistiche per disconnettersi dalle fatiche e dallo stress di ogni giorno e riconnettersi con la natura più intima dei nostri luoghi di origine. Sabato 13 febbraio si va nelle “Contrade d’inverno, c camminando nella natura assopita”.  Perché le contrade antichissime, le mulattiere e i sentieri quasi accennati, possono condurre in scorci addormentati nell’immobilità dell’inverno, momento ugualmente magico per la natura. In quest’escursione dai toni caldi si riscopre la parte più nascosta della contrada Coccolicchio (Fasano) dove i trulli e i boschi sono incorniciati dai colori invernali. Info 3471152492.

La rotta del pellegrino

A Noci lungo la rotta del pellegrino

Domenica a Noci c’è invece l’appuntamento con trekking tra boschi e segreti lungo la rotta del pellegrino. L’inverno – spiegano gli organizzatori del tour – ancora si allunga sulla natura lasciata libera dai ritmi degli uomini, addormentata, ma vitale, seducente e ricca di colori e profumi. Un cammino medio adatto a tutti in una località ricca di anfratti poco battuti, sentieri segreti e vecchi luoghi di culto. Un cammino che ricorda i vecchi pellegrinaggi di un tempo attraverso storia, cultura e soprattutto bellezza. Info 3471152492.

La via dell’olio

Proseguono gli appuntamenti della Cooperativa Serapia, che propone una serie di iniziative anche per questo weekend.

Sabato e domenica si conferma la tradizionale ciclopasseggiata “In bici sulla via dell’olio”. SI parte dall’Albergabici – Infopoint Parco Dune Costiere, Ostuni – per una gita sulle due ruote tra gli ulivi monumentali del parco con annessa la degustazione di olio. Si pedala nella campagna tra Ostuni e Fasano lungo il tracciato dell’antica Via Traiana – strada romana che collegava Roma a Brindisi – tornando indietro nel tempo, sino alla preistoria, con la visita al Dolmen di Montalbano, mentre maestosi ulivi secolari guidano il gruppo fino alla Masseria Li Santuri. Da qui si scende nel sottosuolo tufaceo per visitare un antico frantoio ipogeo. Info 3286474719

Il Giardino Botanico

È il Giardino Botanico Lama degli Ulivi, Monopoli ad animare le altre iniziative firmate Serapia. Sabato e domenica alle 10 (info 347 0081412) è in programma una passeggiata nell’orto, alla scoperta di diverse varietà di piante del mondo che convivono in perfetta armonia.
Domenica, invece, ciclo-trekking a Monopoli nel cuore della piana “olivetata” di Puglia, dove i grandi verdi patriarchi hanno fatto la storia di un popolo dedito alla terra e al mare. Saranno i monumentali olivi della campagna di Monopoli a indicare “la giusta via” tra antiche edicole Mariane, muretti a secco e Masserie fortificate. Info 328 6474719.

Bari svelata da PugliArte

Nuovi appuntamenti nella storia di Bari con PugliArte.  Sabato 13, alle 10 itinerario “Suburban Explorer Bari” alla scoperta di Masseria Caggiano. Questo antico “fiume di pietra” è sempre stato un luogo di rilevanza strategica per le genti e per il selvatico. Fonte di acqua e riparo anche nei regimi climatici più aridi ha fornito protezione fin dal neolitico, nel suo alveo sono stati rinvenuti diversi reperti litici e in corrispondenza dei centri abitati di Bari Palese e Bari San Paolo e Bitonto. In queste aree esistono differenti testimonianze di importanti villaggi preistorici, di dolmen e menhir, ma soprattutto da grandi masserie fortificate.

Sempre nella giornata di sabato, ma nel pomeriggio,  alle 17.00 appuntamento con “Bari e le Edicole Votive”. Le edicole votive sono testimonianza di differenti stili artistici, impregnati di paganesimo. Questo insolito viaggio tra il sacro e il profano, arricchito da curiosi aneddoti, attraversa i vicoli, le strade e le corti della città vecchia, mostrandone gli aspetti più intimi.

Domenica 14 ore 10.30, con “Suburban Explorer Bari– Lama Picone” si indaga un immenso patrimonio archeologico della città di Bari, visitando antichi ipogei e chiese rupestri. La Terra di Bari, infatti, è ricca di ambienti ricavati nella roccia, buona parte di essi si trovano all’interno delle lame, il loro scavo risale al medioevo. Alcune di queste cavità furono utilizzate da monaci tra il VIII ed il IX secolo d.C., che le trasformarono in chiese o Santuari.

E ancora, domenica 14 ore 10.30 “Bari Floreale: passeggiata tra le architetture fiorite, ghirlande e maschere”. La passeggiata nella Bari più elegante si contraddistingue per leggerezza, decoro, giochi floreali e utilizzo di materiali più svariati Biglietto da visita è il portone di palazzi sorti agli inizi del ‘900 che vi racconteranno la storia di una classe sociale emergente che strizzava l’occhio alla nobiltà

Per informazioni e prenotazioni: info@pugliarte.it e/o chiamando o mandando un WhatsApp al 3403394708

Alessano e Montesardo

Anche Naturalmente Salento propone un nuovo itinerario. Sabato si va in viaggio alla scoperta di Alessano e Montesardo, con l’esplorazione della Serra dei Cianci e il Villaggio Rupestre di Macurano. Il sentiero partirà dalla Chiesa Madre di San Salvatore ad Alessano, visitando il borgo antico e i suoi palazzi signorili, la Chiesa di Sant’Antonio che la leggenda vuole costruita da San Francesco d’Assisi con le proprie mani. Da qui si parte con un trekking nella Serra dei Cianci alla scoperta di antichi trappeti. Si raggiunge Montesardo e la parte antica del Borgo medievale con il Castello e la cinta muraria del IV sec. a.C.

Si toccano poi le Murge di Santa Barbara, splendido esempio di piccole murge salentine che si aprono in un contesto naturalistico perfettamente conservato.  Il percorso prosegue con il Complesso Rurale del Massarone e il Villaggio Rupestre di Macurano, il più integro di tutta la Regione Puglia. Si scoprono i suoi pianori, gli ambienti abitativi, le scale di collegamento, gli antichi pozzi e le cisterne insieme ai frantoi ipogei che ci raccontano l’arte millenaria olearia. Da qui si rientra ad Alessano con un trekking ribattezzato della “Cacipppola” splendido itinerario che costeggia per un tratto le rotaie delle Ferrovie sud Est e passa dalla Stazione di Alessano. Info 3387799477.

Articoli correlati