“The (art) side”, le opere di sei artisti pugliesi in mostra all’aeroporto di Bari

Progetto a cura di Massimo Diodati, nato da un’idea di Dino Clavica, prematuramente scomparso. Cuore della mostra: i quadri del barese Picinni

 

C’è differenza tra essere “passeggeri” e “viaggiatori”. Un po’ come abitare in una città e vivere quel posto, attraverso i suoi colori, sapori, persino attraverso le sue contraddizioni. 

Si può viaggiare in tanti modi, dunque, non soltanto con il corpo. In questo senso l’arte può dare il suo contributo. Da questa idea muove “The (art) side”, inaugurata ieri e che ospita le opere di artisti pugliesi. La mostra è allestita in un luogo scelto non a caso: l’area imbarchi dell’aeroporto “Karol Wojtyla” di Bari. Qui le persone trascorrono diverso tempo in attesa dell’imbarco. Una sorta di spazio in cui il tempo è sospeso, in attesa di ripartire. Che sia per fare ritorno a casa, o per andare in posto totalmente nuovo. 

LEGGI ANCHE: Aeroporti sostenibili: il progetto Solar

Fino a dicembre 2022, con lo zaino in spalla e il naso all’insù, le persone che transitano in quest’area possono ammirare quadri e sculture. Il progetto, a cura di Massimo Diodati, è patrocinato da ENAC, Ente nazionale per l’aviazione civile, e dalla Regione Puglia. 

Il maestro Picinni con il presidente di Aeroporti di Puglia, l’assessore regionale al Turismo e la consigliera delegata alle Politiche culturali durante la firma dell’atto di donazione del quadro

Il cuore della mostra è rappresentato da tre quadri del maestro barese, Gennaro Piccini. Le  pennellate decise di Bari panoramica, Basilica di San Nicola, Nascita di un Teatro spiccano dalla teca al centro dell’area. Non solo: il maestro ha donato ad Aeroporti di Puglia una delle sue opere , “San Nikolaus” (San Nicola, che raffigura appunto il patrono di Bari di cui tra quale giorno si celebrerà la festa patronale, ndr). Il quadro è esposto nella sala “Vip Lounge”. 

Oltre a quelle di Picinni vi sono le opere di altri sei pugliesi: Mariaelena Colonna, Vincenzo De Sario, Alessia Lofano, Aldo A. Pezzarossa, Lisa Simone e Dino Clavica, artista scomparso a soli 43 anni. Ed è stata proprio di quest’ultimo l’idea di destinare il modo permanente questo spazio dell’aeroporto all’esposizione delle opere di artisti pugliesi, con un occhio di riguardo verso i più giovani. 

I pannelli relativi a ciascun artista sono dotati di QRcode Exibo di EWiki per approfondire i contenuti della mostra fruibili in otto lingue. Un ulteriore modo per i viaggiatori di entrare in contatto con i singoli artisti. 

Presidente Aeroporti di Puglia: “Creeremo uno spazio permanente dedicato all’arte. Arriveremo anche alla musica”

All’inaugurazione hanno preso parte rappresentanti delle istituzioni, tra cui il presidente di Aeroporti di Puglia, Antonio Maria Vasile. In un momento di ripartenza della stagione turistica che vede la Puglia confermarsi tra le mete scelte da italiani, stranieri, ma anche dagli stessi pugliesi. 

“Il senso di questa operazione è quello di portare l’arte negli aeroporti -ha detto il presidente Vasile -. In passato abbiamo portato l’arte di De Nittis, ora cominciamo a celebrare tutti gli artisti importanti della Puglia con possibilità che di accogliere anche i più giovani. Creeremo all’interno dell’aeroporto uno spazio dedicato all’arte. Ci siamo avvalsi di un consulente artistico per poter fare una cernita delle opere seguendo una linea precisa: dalla pittura alla scultura. Arriveremo anche alla musica”. 

Inoltre, dopo lo stop cui la pandemia ha costretto il mondo intero per due anni, gli aeroporti stanno tornando a popolarsi, ad essere luoghi vivi, pulsanti di umanità e quindi ricchi di emozioni. 

Il presidente di Aeroporti di Puglia ha sottolineato che, se nel 2019 si erano registrati ottimi numeri con un transito pari a circa 8 milioni di persone (compresi gli scali di Bari e Brindisi, Foggia e Taranto, ndr), quest’anno ci si attende “una grandissima estate. Abbiamo messo in piedi moltissime rotte, molto apprezzavate dai viaggiatori. La Puglia resta attrattiva e crediamo di raggiungere un  risultato straordinario a doppia cifra rispetto a quello dello scorso anno”. 

Articoli correlati