Terza dose vaccini anticovid: Puglia ok, continua così

tamponi bambini
Continua la campagna di testing dei tamponi salivari riservati ai bambini nell’età non vaccinabile, 6 – 12 anni

Risultati positivi in tutte le province per la somministrazione della dose booster. A Brindisi vaccinazioni ai giovanissimi per altre patologie

Secondo il dato aggiornato alle ore 06.00 dal Report del Governo nazionale sono 6.182.393 le dosi somministrate sino ad oggi in Puglia. Le dosi sono l’ 89,9% di quelle consegnate dal Commissario nazionale per l’emergenza. I pugliesi completamente vaccinati sono 3.122.852.

ASL Bari, il capoluogo è tra le prime città in Italia

hub fiera
Sono oltre 6.182.500 le dosi di vaccino anticovid somministrate sino ad oggi in Puglia

Ammontano a 21.398 le vaccinazioni eseguite nell’ultima settimana, grazie alle quali è stata ampiamente superata la soglia di 2 milioni di somministrazioni dall’avvio della campagna anti-Covid della ASL Bari.

La copertura vaccinale degli over 12 del Barese è complessivamente molto elevata, con il 91% di prime dosi e l’88% di cicli completati. Tra gli over 60, in particolare, la copertura completa riguarda il 96% dei residenti, frutto di una adesione straordinaria che, tra i 70-79enni, diventa ancora più alta: il 99% ha già ricevuto la prima dose e il 98% ha completato la scheda vaccinale. In dettaglio, dei 2 milioni e 8.094 vaccini inoculati nei centri vaccinali del territorio barese, 1.038.333 sono rappresentati da prime dosi, 923.421 da seconde dosi e 46.340 da terze dosi.

Proprio i richiami (con dosi addizionali e booster) stanno caratterizzando questa fase cruciale della campagna vaccinale, con quasi due terzi (14.200) dei vaccini totali eseguiti in sette giorni in favore di over 60, soggetti fragili, personale ed ospiti di strutture residenziali, operatori sanitari.

In quanto a coperture territoriali, la città di Bari è tra le prime realtà italiane ad aver raggiunto il 90% di residenti over 12 con ciclo completo. Molto bene anche i comuni di Noci (92%), Putignano (91%), Sammichele di Bari, Bitetto, Bitonto, Giovinazzo, Monopoli e Polignano, tutti col 90% di cittadini completamente vaccinati.

Per i malati rari anche l’ Hub di Catino

La ASL Bari, inoltre, sta curando un programma di vaccinazione dedicato ai malati rari che, oltre alla possibilità di essere vaccinati nei Centri specialistici di riferimento, possono presentarsi spontaneamente presso l’Hub di Catino a Bari nelle giornate del 15 e 22 novembre prossimi (dalle 8,30 alle 14).

Scuole sempre più protette

Sempre in un’ottica di maggior tutela, il team Scuola della ASL è impegnato nel monitoraggio delle 9 scuole sentinella (4 nella città di Bari e altri 5nei comuni di Acquaviva, Altamura, Rutigliano, Monopoli e Bitonto), con risultati confortanti: una sola positività emersa su 3.465 test eseguiti finora tra gli under 12 e un calo dell’85% di casi positivi nel confronto tra il 2 e l’8 novembre di quest’anno e lo stesso periodo del 2020 (81 contro 12 casi) nelle scuole dell’area metropolitana. , la riduzione più significativa di casi positivi si registra nella scuola primaria, dove attualmente sono stati riscontrati 4 positivi a fronte dei 40 dell’anno scorso. Lo stesso calo si riscontra negli istituti superiori che sono stati i più colpiti durante la seconda ondata della pandemia: oggi – nella settimana presa a campione – sono appena 4 i casi positivi in carico al Dipartimento, mentre erano 22 nello stesso periodo di novembre 2020.

Continua spedita inoltre la campagna di testing dei tamponi salivari riservati ai bambini nell’età non vaccinabile, 6 – 12 anni, che da qualche giorno sta coinvolgendo anche le famiglie. Conclusa la prima fase del progetto in cui la raccolta dei campioni è avvenuta con il supporto del personale ASL, da lunedì è partita la fase ordinaria con la formazione alle famiglie degli stessi alunni coinvolti nel progetto per l’auto somministrazione del tampone direttamente a casa. All’interno delle stesse scuole sentinella – dove i primi test sono stati eseguiti dagli operatori ASL – saranno predisposti punti di raccolta dei campioni che vengono successivamente analizzati dai laboratori Covid della rete provinciale.

Policlinico di Bari al giro di boa

Quasi il 60% degli operatori sanitari del Policlinico di Bari ha ricevuto la dose booster di richiamo del vaccino contro il Covid19. Sono state esattamente 5.160 le somministrazioni per medici, infermieri, operatori e studenti universitari che svolgono tirocinio nei reparti.

I pazienti trapiantati, neurologici, ematologici, oncologici in radioterapia e reumatologici che hanno completato con la terza dose aggiuntiva il ciclo primario al fine di raggiungere un adeguato livello di risposta immunitaria sono stati 4.169.

Anche all’Oncologico  ok alla terza dose

Poco più di 800 le terze dosi somministrate all’Istituto Tumori ‘Giovanni Paolo II’ di Bari dove, a cominciare da metà ottobre, è partita la campagna vaccinale dei richiami destinata a pazienti e personale sanitario. Nell’ultima settimana, 57 i pazienti oncologici e oncoematologici vaccinati a cui si aggiungono 98 operatori sanitari, fra medici, infermieri e operatori sociosanitari. La campagna proseguirà anche nelle prossime settimane, con la presa in carico dei pazienti in trattamento da parte delle singole unità operative.

ASL Brindisi, vaccinazioni anche contro la meningite

Nella Asl di Brindisi sono circa 11mila le terze dosi somministrate finora. Tra queste, 3mila le dosi booster per gli operatori sanitari: la copertura per il personale Asl con la terza dose supera il 45 per cento.

Oggi nel centro di  Bozzano, a Brindisi, sono stati vaccinati contro il papilloma virus e la meningite B circa 250 adolescenti nati nel 2010. “In una fase successiva – spiega il direttore del Dipartimento di Prevenzione, Stefano Termite – somministreremo a questi ragazzi  il vaccino meningococcico quadrivalente e a maggio del prossimo anno completeremo il ciclo vaccinale con la seconda dose anti Hpv e meningite B.

La Regione Puglia ci ha dato l’input a utilizzare gli hub per la vaccinazione routinaria: già ad aprile avevamo vaccinato contro Hpv e meningite  i ragazzi nati nel 2009 che nei prossimi giorni completeranno il ciclo”.

ASL BT, 8.500 terze dosi

 Nella Asl Bt fino a oggi sono state somministrate 571.771 dosi di vaccino di cui 298.400 sono prime dosi, 264.897 sono seconde dosi e 8.474 sono terze dosi. La percentuale di adesione alla campagna vaccinale si assestata su l’ 88 % per la prima dose e sul 78 % per la seconda dose. Intanto la quasi totalità degli operatori sanitari ospedalieri ha già ricevuto la terza dose di vaccino.

ASL Foggia, terza dose per 15.600 over 12

Sono 905.166 le somministrazioni effettuate in provincia di Foggia dall’avvio della campagna vaccinale anti COVID. Ha ricevuto almeno una dose di vaccino l’87,7% delle persone di età superiore a 12 anni; ha ricevuto la seconda dose il 76,8% degli over 12.

Attualmente hanno ricevuto la terza dose di richiamo 15.602 persone di cui poco meno di 4.300 operatori sanitari, 428 ospiti di strutture sanitarie e sociosanitarie residenziali. In tutto, le persone di età superiore a 60 anni che, ad oggi, hanno ricevuto la terza dose sono 11.413.

ASL Lecce, continuano le vaccinazioni

Dall’inizio della campagna vaccinale sono 1.184.623 le dosi di vaccino somministrate a cittadini residenti in provincia di Lecce. L’85.83% della popolazione dai 12 anni in su residente in provincia ha ricevuto una dose di vaccino e l’81.6% ha completato la vaccinazione (popolazione dati Istat 1.1.21). A quota 22.770 le terze dosi complessivamente somministrate finora.

ASL Taranto, booster per pazienti fragili

 Anche in ASL Taranto la campagna vaccinale procede. Nell’ultima settimana, negli hub della provincia ionica, sono state somministrate quasi 10mila dosi di vaccino, nella maggioranza dei casi dosi booster, ma anche prime e seconde dosi. Continua, inoltre, nelle strutture la vaccinazione con dose booster del personale sanitario e dei soggetti fragili afferenti ai centri di cura.

Articoli correlati