Terremoto Emilia, rimodulare i PSR regionali

E’ stato approvato dagli Assessori regionali all’Agricoltura l’ordine del giorno, proposto dal coordinatore Dario Stefàno, assessore della Regione Puglia, sulle iniziative in favore delle aree colpite dal terremoto in Emilia Romagna. La proposta prevede di far fronte alle emergenze post sisma nel settore agricolo, potenziando la dotazione del Programma di Sviluppo Rurale (PSR) della Emilia Romagna attraverso un prelievo sugli altri PSR italiani, ad eccezione di quello dell’Abruzzo già colpito dal sisma del 2009. Il prelievo sarebbe applicato solo sull’esercizio finanziario 2013. La somma che si riuscirebbe a recuperare attraverso la rimodulazione del 4%, in particolare, ammonterebbe a circa 121 milioni di euro, 14 dei quali potrebbero essere destinati all’Abruzzo, ancora in attesa d’intervenire sulle strutture aziendali danneggiate.

“Un taglio di tale portata – spiega il coordinatore Stefàno – non incide sulle potenzialità dei 19 Psr italiani che subirebbero il prelievo, tenuto conto del fatto che ogni eventuale carenza di risorse potrebbe essere compensata dai nuovi Psr operativi dal 1 gennaio 2014”.

La Commissione Politiche Agricole ha espresso l’auspicio di una pronta condivisone da parte di tutti gli altri soggetti coinvolti allo scopo di accelerare gli approfondimenti tecnici necessari per giungere alla definitiva modifica dei PSR con le procedure previste.

Articoli correlati