Input your search keywords and press Enter.

Terre dell’Oasi: la natura a tavola

Dalla sinergia di WWF Oasi e Cooperative delle Oasi aderenti a Legacoop, nasce Terre dell’Oasi, un nuovo progetto che unisce agricoltura biologica e tutela della biodiversità. L’iniziativa mira a creare nelle Oasi un sistema dedito alla produzione del biologico, settore in cui la domanda dei consumatori è in costante crescita, e sostenere grazie alla vendita diretta dei prodotti sia la gestione delle stesse Oasi che i diversi progetti di conservazione al loro interno.

Ad oggi le analisi statistiche riportano l’esistenza di un rapporto diretto tra agricoltura e conservazione della biodiversità. Infatti Il 92 % del territorio europeo e il 42% di quello italiano sono occupati da aree rurali. Inoltre circa il 21% della SAU-Superficie Agricola Utilizzata, conserva caratteri di alto valore naturalistico per termini di biodiversità genetica, di specie e di paesaggio. In particolare l’Italia, insieme a Spagna, Grecia, Gran Bretagna del nord e Scandinavia, conserva un’alta percentuale di aree agricole di alto valore naturale.

Attualmente le principali aree coinvolte nel progetto Terre dell’Oasi sono la Riserva regionale del Lago di Penne (Abruzzo), l’Oasi WWF della Laguna di Orbetello (Toscana) e la Riserva naturale regionale del Bosco WWF di Vanzago (Lombardia) ma il progetto mira ad espandersi su tutto il territorio nazionale. Al progetto partecipa anche la Cooperativa Sociale Daphne di Anversa degli Abruzzi, che, in collaborazione con la Casa di Reclusione di Sulmona, ha avviato un iter che vede coinvolti i detenuti nel realizzare una parte dei contenitori e delle strutture espositive dei prodotti. I prodotti di Terre dell’Oasi sono già disponibili nei punti vendita delle oasi del WWF ed è possibile richiederli agli indirizzi della Società – wwfoasi@wwfoasi.it e terredelloasi@cogecstre.com.

Print Friendly, PDF & Email