Input your search keywords and press Enter.

Tempa Rossa, Nicastro replica a consigliere Cervellera

Lorenzo Nicastro

Il consigliere della Regione Puglia Alfredo Cervellera (SEL) ha rilasciato dichiarazioni sul progetto Tempa Rossa a Taranto. Il progetto Tempa Rossa, ricordiamo, prevede lo stoccaggio di petrolio greggio nel capoluogo ionico.

Secondo Cervellera, bisogna contrastare il progetto «andando anche contro la volontà della Giunta regionale che, con la Delibera 2515 del 22.11.11 aveva espresso un parere favorevole di compatibilità ambientale nell’ambito della procedura coordinata di AIA/VIA di competenza ministeriale».

L’assessore regionale all’Ambiente Lorenzo Nicastro replica alle dichiarazioni del consigliere. Cervellera, ricorda Nicastro, è stato assessore all’Ambiente del Comune di Taranto nel 2007, anno in cui «ha portato in Consiglio Comunale la delibera di intesa con l’Autorità Portuale sul Piano Regolatore del Porto».

«Tale intesa – osserva Nicastro – conteneva già la variante, richiesta da Eni nel 2003, di prolungamento del pontile petroli e di dragaggio dell’ara per permettere l’approdo delle navi».

«Nel mio intervento in Consiglio Regionale – prosegue l’assessore – non c’è traccia di reprimende nei confronti di Arpa, né tanto meno di richieste di imprimatur a relazioni tecniche. Ho sottolineato, nel mio intervento, che la relazione era stata trasmessa agli organi consiliari e, sia pure con errato indirizzo, al presidente della Regione, dalla cui segreteria l’ho ricevuta in copia e che non si era ritenuto di trasmetterla (dopo la redazione, non prima) anche all’Assessore all’Ambiente che, tra le altre cose, è anche presidente del comitato di indirizzo dell’agenzia. Devo anche ribadire che, a seguito degli elementi contenuti in quella relazione, abbiamo chiesto la riapertura dell’Aia ministeriale nell’arco di pochi giorni».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *