Input your search keywords and press Enter.

Tavolo tecnico per impianto depurazione Lizzano

«Dalla riunione di oggi sono emersi una serie di nodi relativi all’impianto di depurazione di Lizzano, Fragagnano e San Marzano di San Giuseppe (nel tarantino, ndr), che pensiamo di poter sciogliere il prossimo 25 novembre, quando la riunione sull’argomento sarà riconvocata e tutti i soggetti interessati proporranno risultati di ricerche tecniche e possibili eventuali soluzioni». A dirlo è l’assessore alle Opere pubbliche e Protezione civile della Regione Puglia Fabiano Amati, a margine della riunione tecnica che si è svolta a Bari con la partecipazione dei principali attori ed enti interessati. «In particolare – spiega Amati – sono tre le problematiche emerse nel corso del tavolo tecnico di oggi: la prima riguarda la qualità del refluo depurato, con riferimento al quale l’Acquedotto pugliese, l’Arpa, i Comuni di Lizzano, Fragagnano e San Marzano di San Giuseppe e Taranto, la Provincia di Taranto, la Confcommercio di Taranto e la Regione Puglia costituiranno un tavolo tecnico di approfondimento e confronto dei dati raccolti. L’ulteriore argomento di approfondimento riguarda il canale a valle dell’impianto. In questo caso, a prescindere dalla valutazione generale sulla qualità del refluo, sono emerse una serie di problematiche che interferiscono con il corpo idrico superficiale. Infine – conclude Amati –  il prossimo 25 novembre saranno prese in considerazioni le ipotesi possibili, sempre nel rispetto del Piano di tutela delle acque, alternative allo scarico in mare, che attualmente crea preoccupazioni nella popolazione residente».

Print Friendly, PDF & Email