Input your search keywords and press Enter.

TAV a Firenze: esperienze a confronto

L’Alta Velocità nella città di Firenze ha creato preoccupazioni sia nella cittadinanza, sia anche nei tecnici del settore. Anche perché enti pubblici e responsabili del progetto di realizzazione dei tunnel non hanno rendicontato con puntualità e in modo dettagliato l’evoluzione della TAV. Fino ad oggi la comunicazione sul progetto è apparsa quanto mai lacunosa e a singhiozzo. Se ne è discusso al convegno “La realizzazione di Tunnel in ambiente urbano. Esperienze a confronto”, promosso dall’Ordine dei Geologi della Toscana, presidente Maria Teresa Fagioli. “Non c’è mai stato confronto, su nessun argomento – dichiara Mauro Chessa Presidente della Fondazione dei Geologi della Toscana –, soprattutto sulle soluzioni tecniche adottate da Italfer. Senza contare che, per certi aspetti del progetto, manca una valutazione di impatto ambientale”.

Il geologo Stefano Rossi dell’Arpat si è espresso, poi, sulla questione normativa che regolerà la gestione delle terre da scavo “e per la cui interpretazione abbiamo interpellato il Ministero dell’Ambiente, che ancora ci deve dare risposta”.

Dal canto suo il Comune, nella persona dell’Ing. Giacomo Parenti, presidente dell’Osservatorio Ambientale, invece replica: “Sul sito del Comune, alla voce TAV, il cittadino non solo può trovare il progetto dettagliato con tanto di tavole a colori ma anche una serie di numeri telefonici collegati all’Osservatorio del nodo”.

All’Istituto Agronomico dell’Oltremare, dove si è tenuto l’incontro si è anche parlato della vulnerabilità del sistema che porta all’assegnazione degli appalti e della necessità di fare simulazioni, verificare con precisione cosa può accadere e, fanno sapere i geologi, il tutto dovrà essere validato e comunicato alla cittadinanza.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *