Input your search keywords and press Enter.

Taranto. Allerta per odori sospetti

Un fenomeno di dispersione di sostanze odorigene si è registrato a Taranto, interessando varie zone della città. I tecnici del Dipartimento Provinciale ARPA di Taranto sono subito intervenuti accertando che la dispersione si è originata verosimilmente dalle operazioni di caricamento di greggio dalla Raffineria ENI su una nave collocata nel Porto Mercantile. L’esame dell’andamento degli inquinanti rilevati dalla rete di qualità dell’aria gestita da ARPA ha evidenziato un valore particolarmente alto di benzene e, in minor misura, di toluene e acido solforico. Nonostante il sistema di recupero dei vapori presente sul sistema di caricamento del pontile fosse in funzione all’atto del sopralluogo, questo non è stato in grado di assicurare un efficace abbattimento delle sostanze emesse durante le operazioni. Intanto il caricamento del greggio sulla nave è stato sospeso. Un provvedimento che non è bastato ad evitare l’aggravarsi della propagazione: infatti, a causa del vento, la “bolla” di aria impreniata dall’odore sgradevole si è spostata in successione su altre zone della città. Così ha avuto seguito la lunga lista di segnalazioni tra disturbi, allarmi e lamentele. Al momento sono in corso le indagini sull’accaduto e sulle sue cause, da parte del Dipartimento ARPA di Taranto. Inoltre, al fine di accertare la funzionalità degli impianti di abbattimento a bordo della nave, è stato richiesto l’intervento della Capitaneria di Porto.

Print Friendly, PDF & Email