fbpx Skip to content

Tag: scorie radioattive

Deposito nazionale di rifiuti radioattivi, la Puglia ribadisce il “No”

Ferma posizione di Emiliano e Maraschio con una nota congiunta a seguito delle proposte della Sogin inviate al MiTE   La Puglia ribadisce il suo “No” al deposito delle scorie nucleari. A confermarlo in una nota il presidente della Regione,
PARCO-ALTA-MURGIA

Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi, la Regione Puglia dice no

Approvate dalla giunta le osservazioni tecniche. Emiliano e Maraschio: “Ribadiamo e motiviamo il nostro no” Pollice verso dalla regione Puglia al Deposito nazionale di scorie radioattive. La Giunta Regionale ha infatti approvato il documento tecnico con le osservazioni regionali relative

Scorie nucleari, “no grazie”: si allarga il fronte dei contrari o almeno “non a casa mia”

Non si fermano commenti e polemiche sulla mappa dei depositi di scorie nucleari e siti di stoccaggio. Associazioni, realtà istituzionali e organizzazioni si mobilitano. “Siamo contrari ai siti pericolosi, ma siamo aperti alla conoscenza, alla sua diffusione, alla discussione sui

Porti italiani a rischio nucleare

Per un motivo o per l’altro, l’Italia resta un crocevia del transito di materiali pericolosi. L’ennesima accusa ci giunge dall’Associazione Nazionale di Protezione Ambientale Verdi Ambiente e Società, che denuncia l’allarme rischio nucleare nei porti italiani e sconcerto sul caso di La Spezia.

Trieste, atteso l’imminente arrivo di scorie radioattive destinate agli USA

.

Le scorie nucleari di Saluggia in treno fino a Trieste: no delle Regioni

.

Franz Navach, un filosofo prestato alla Fisica

Intervista a due velocità a Franz Navach professore associato di Fisica nucleare e subnucleare al dipartimento di Fisica, facoltà di Scienze dell'Università di Bari

Zazzera: «Referendum sul nucleare, perché votare SI’»

Il 12 e il 13 giugno si farà il referendum sul nucleare. Perché votare SI. La riflessione dell'onorevole Pierfelice Zazzera dell'Italia dei valori

Il “Treno dell’Inferno”

Un convoglio ferroviario di undici vagoni carichi di scorie nucleari vetrificati, tedeschi partito da La Hague in Normandia è diretto alla miniera di sale di Gorleben, nel centro della Germania. La concentrazione della radioattività di questo trasporto è doppia rispetto all’inquinamento radioattivo dopo la catastrofe di Chernobyl in Ucraina. Gli abitanti delle città lungo il percorso del "Treno dell'Inferno" hanno paura!

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Può conoscere i dettagli consultando la nostra cookie policy.