Input your search keywords and press Enter.

Sversamento di rifiuti nel casertano. Intervengono le Fiamme Gialle

I militari della Guardia di Finanza di Capua hanno sequestrato un fondo agricolo di circa diecimila metri quadri, sito nel comune di Calvi Risorta (CE). L’operazione rientra nelle attività di repressione dei reati contro l’ambiente. Le attività ambientali delle fiamme gialle sono regolate dal Protocollo organizzativo di salvaguardia ambientale della Provincia di Caserta, voluto dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere e sostenuto dalla locale Prefettura.

I finanzieri, insospettiti del frequente passaggio di automezzi, hanno fatto accesso all’interno dell’area. È stato riscontrata la presenza di mezzi meccanici e di personale che trattava abusivamente dei rifiuti. In particolare, è stato scaricato un grosso quantitativo di asfalto, preventivamente fresato, direttamente sul suolo agricolo e nelle immediate adiacenze di terreni adibiti a coltivazione. Per mascherare l’illecito sversamento, i camion erano riempiti per metà di terra pulita e per metà di fresato d’asfalto ed altro materiale di risulta: quando avveniva lo sversamento i rifiuti erano immediatamente ricoperti da terreno puro.

La pratica di coprire i rifiuti con terreno agricolo pulito è potenzialmente dannosa per l’ambiente. Il tombamento, infatti, può avvelenare le falde acquifere, con potenziali rischi per le coltivazioni.

Dagli immediati accertamenti eseguiti sul posto, coordinati dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, si è evidenziato che il proprietario del sito è privo delle prescritte autorizzazioni per l’attività di sversamento. Per evitare l’ulteriore rischio di inquinamento ambientale, i finanzieri hanno quindi proceduto al sequestro dell’area, al fine di consentirne la successiva bonifica da parte degli organi competenti.

Sono in corso ulteriori accertamenti per identificare altri eventuali responsabili e stabilire la provenienza del materiale illegalmente sversati.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *