Superbonus 110%, appello di Rete Irene al Governo

cantiere-superbonus foto rete irene
Secondo Rete Irene, grazie agli interventi di riqualificazione energetica è possibile abbattere il fabbisogno energetico di un edifico del 50% e ridurre le emissioni di CO2 (foto Rete Irene)

Con il manifesto in 10 punti la rete di imprese specializzata in interventi di riqualificazione energetica integrata degli edifici esistenti, si fa portavoce della filiera per sbloccare una situazione di stallo che ha recato danni economici pesantissimi sul mercato. Il Superbonus ha contribuito a creare 300mila nuovi posti di lavoro

 

Sono dieci i punti sui quali si basa il manifesto di Rete Irene da cui si evince la ferma presa di posizione della rete di imprese che fa un chiaro appello ai vertici governativi e parlamentari. La presa di posizione di Rete Irene ha il chiaro obiettivo di porre l’attenzione sulle preoccupanti conseguenze relative alle recenti disposizioni previste dagli ultimi Decreti Legge che hanno introdotto nuove strette per la fruizione del Superbonus 110%.

Sbloccare una situazione di stallo

Con il manifesto in 10 punti Rete Irene intende farsi portavoce della filiera per sbloccare una situazione di stallo che ha recato danni economici pesantissimi sul mercato: blocco dei cantieri, inadempienze nel riguardo degli accordi pattuiti con i committenti, con conseguenze negative sulla fiducia dei cittadini nel sistema e l’inevitabile arresto delle attività che portano alla transizione energetica. Rete IRENE, prima Società Benefit Nazionale specializzata nella realizzazione di interventi di riqualificazione energetica integrata degli edifici esistenti,  prende una ferma posizione, assumendosi l’impegno a creare un impatto positivo sulla società e la biosfera.

Il Manifesto Superbonus 110: 10 motivi per sostenerlo

Il Manifesto spiega in modo chiaro e preciso i valori qualitativi e quantitativi di come l’incentivo promuova la riqualificazione energetica degli edifici, nonché le ricadute positive per il Sistema Paese sotto il profilo economico, ambientale e sociale.

L’attuazione della transizione energetica porta, secondo Rete Irene, a ridurre drasticamente i consumi, il costo, le emissioni di CO2 nell’ambiente contribuendo per oltre 1/3 alla crescita del PIL Italiano nel solo 2021. Il Superbonus 110 per Rete Irene diventa la traccia verso il 2030 ed ha già contribuito alla creazione di 300.000 nuove assunzioni. Grazie agli interventi di riqualificazione energetica poi è possibile abbattere il fabbisogno energetico di un edifico del 50% e ridurre le emissioni di CO2 nell’ambiente. Rete Irene chiede quindi alle imprese, all’industria, agli artigiani e alle famiglie di unirsi per fare fronte comune e tracciare insieme il prossimo futuro verso impegni di risparmio energetico e verso la transizione energetica.

In concreto il Superbonus 110 è concepito quale strumento di sostegno per le comunità contrastando la povertà e aumentando lo sviluppo sociale ed economico. “Siamo contrari ai continui decreti e alle ingerenze che destabilizzano l’intero settore e tutta la filiera. Servono regole chiare, certe e durature anche con pene severe per coloro che azionano truffe ai danni del paese Italia e certezza per coloro che operano nel rispetto delle norme. È necessario l’immediato sblocco dei crediti fiscali verso il sistema bancario e la proroga al 2024 affinchè si portino a compimento gli impegni assunti verso le famiglie” – l’appello del Presidente Manuel Castoldi e dei soci.

Il Manifesto SUPERBONUS 110: 10 MOTIVI PER SOSTENERLO

  1. Il patrimonio edilizio Italiano è molto energivoro a differenza di quello di altri Paesi Europei. Per ridurre drasticamente i consumi serve una campagna di profonda riqualificazione energetica. Questo è valore!
  2. Gli interventi di riqualificazione energetica (Superbonus 110) abbattono mediamente il fabbisogno energetico di un edificio del 50%, riducendo i consumi e il loro costo (per esempio: un quartiere di 436 famiglie avrà un risparmio di energia primaria non rinnovabile pari a 3,34 milioni di KWh/anno grazie al Superbonus 110). Questo è valore!
  3. Grazie agli interventi di riqualificazione energetica attuati con il Superbonus 110 vi è una drastica riduzione delle emissioni di CO2 nell’ambiente (lo stesso quartiere riduzione ridurrà le emissioni di 545 tonnellate all’anno). Questo è valore!
  4. Solo con la drastica riduzione dei consumi sarà possibile attuare la transizione energetica alle energie rinnovabili. Questo è valore!
  5. Investire in efficienza energetica fa bene al Paese Italia. La fattura energetica per l’Italia vale 39 miliardi di euro (anno 2019), ridurre i consumi energetici del patrimonio edilizio esistente significa incidere per sempre su questo enorme spreco. Questo è valore!
  6. Nel suo primo anno di esistenza il Superbonus 110, con tutta la sua filiera, ha contribuito per oltre 1/3 della crescita del PIL Italiano. Quanto potrà contribuire nell’anno corrente ed in quelli a venire? Questo è valore!
  7. Il Superbonus 110% ha contribuito alla creazione di 300mila nuovi posti di lavoro

    Il Superbonus 110 crea effetti positivi per la crescita e per lo sviluppo sociale ed economico del Paese, interessando direttamente i territori, la filiera e le famiglie. Questo è valore!

  8. Il Superbonus 110 è uno strumento di sostegno per le famiglie Italiane e di contrasto alla povertà energetica. Questo è valore!
  9. Il Superbonus 110 ha contribuito a creare oltre 300.000 nuove assunzioni. Questo è valore!
  10. Il Superbonus 110 ha contribuito ad un cambio culturale enorme ed è la via per tracciare il prossimo futuro verso impegni di risparmio energetico e verso la transizione energetica che il Paese Italia attende da oltre 30 anni. È la traccia verso il 2030. Questo è valore!

Vedi l’appello al Governo su www.reteirene.it

Articoli correlati