Sostenibilità, tecnologia e condomini green

Nuove soluzioni tecnologiche del gruppo ENGIE mirate ad abbattere i consumi energetici e le emissioni di CO2

 

Il gruppo energetico mondiale ENGIA in Umbria, polmone verde d’Italia, è pronto a testare nuove soluzioni tecnologiche green, in collaborazione con Germini Multiproprietà, che gestisce da oltre 25 anni il Villaggio Residenziale Il Girasole.

Nel Villaggio vivono circa 900 persone in 252 appartamenti. Il progetto di ENGIE, nell’ambito del Superbonus 110%, è fra i primi e più importanti a essere realizzato in Italia e prevede una varietà di soluzioni altamente innovative, tra cui geotermia integrata con pompe di calore per la climatizzazione sia invernale che estiva, le colonnine di ricarica per veicoli elettrici e soluzioni IoT per il monitoraggio e la gestione dei consumi individuali. Inoltre, il progetto prevede l’installazione di impianti fotovoltaici e sistemi di accumulo integrati in configurazione “Energy Community” che permetteranno al supercondominio di costituire una delle prime comunità di autoconsumo collettivo in Italia, con la possibilità di scambiare energia tra utenze comuni e singole unità abitative, massimizzando il consumo in loco dell’energia elettrica da fotovoltaico autoprodotta e rendendo ancor più sostenibile l’approvvigionamento energetico dell’intero plesso residenziale.

Questo specifico progetto, realizzato in collaborazione con diversi partner territoriali, consentirà un miglioramento delle prestazioni energetiche e un balzo di ben 6 classi energetiche (passando dalla classe E alla A3) con conseguente risparmio dell’80% sui consumi energetici e di oltre il 90% sulle emissioni di CO2.

In Umbria, oltre al Villaggio Residenziale Il Girasole, ENGIE annovera numerose realtà con cui ha avviato progetti virtuosi di efficienza energetica. Tra queste: la Provincia e il Comune di Perugia, le aziende ospedaliere di Perugia e Terni e lo stesso Comune di Corciano per il quale ENGIE è attualmente impegnata in un progetto di riqualificazione dell’intero parco di illuminazione pubblica – oltre 5.000 punti luce – permettendo all’amministrazione un risparmio di più del 65% dell’energia e di 600 tonnellate annue di C02, pari a circa 400 auto circolanti in meno sul territorio.

Articoli correlati