Smog: Pichetto, polveri sottili sono minaccia, PNRR occasione per svolta  

ILl WWF chiede al ministro dell'Ambiente e della Sicurezza energetica Gilberto Pichetto approvare una legge necessaria per il benessere della natura e delle persone (Ph governo.it)

Il Ministro sul rapporto “MalAria di città” di Legambiente: “Con Piano nazionale spinta a biometano, colonnine, efficienza energetica e verde pubblico”

 

“L’inquinamento da polveri sottili nelle città italiane è un problema complesso a cui finora non si è riusciti, nonostante le molte iniziative progettuali, a dare una soluzione strutturale. Ora le misure finanziate dal PNRR ci danno, assieme alle iniziative da realizzare a cura delle amministrazioni locali, l’occasione di accelerare l’azione di contrasto a questa minaccia ambientale”. Così il ministro dell’Ambiente e della sicurezza energetica, Gilberto Pichetto, sui dati del rapporto “MalAria di città” diffuso da Legambiente.

LEGGI ANCHE: Inquinamento, Andria la peggiore città della Puglia

Biometano e trasporto elettrico nei piani del Governo

“Nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza – osserva Pichetto – abbiamo quasi due miliardi destinati alla produzione di biometano, che può sia alimentare gli impianti di riscaldamento che sostituire il metano per l’automotive con una fonte pulita e rinnovabile. L’obiettivo è incrementare nei prossimi anni in maniera significativa la quota del parco mezzi italiano, sia pubblico che privato, che usa il biometano. E i mezzi pesanti che utilizzano il gas naturale liquefatto potranno viaggiare in maniera ecologica con il bio-GNL. Sempre il settore dei trasporti è destinatario delle azioni contenute nel decreto ‘Aiuti Quater’, che promuove l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili nel settore  dei trasporti”.

“Con il PNRR stiamo inoltre lavorando – aggiunge il Ministro – alla promozione del trasporto elettrico, con un investimento sulle stazioni di ricarica da 740 milioni, per oltre 21 mila colonnine da realizzare in centri urbani e superstrade. Non dimentichiamo poi i quasi 14 miliardi di euro per rafforzare il ‘superbonus’ e il ‘sismabonus’ per l’efficienza energetica e la sicurezza degli edifici. Infine, abbiamo puntato anche alla funzione di depuratore naturale del verde pubblico, con la messa a dimora di 6 milioni e 600 mila alberi nelle 14 città metropolitane”.

Articoli correlati