Smaltimento climatizzatore, le giuste regole per un corretto riciclo

Perchè buttare il vecchio climatizzatore? Il corretto riciclo di questo rifiuto elettronico può essere del 97,5% . I consigli di Hitachi Cooling & Heating

Smaltimento del climatizzatore? Tanti anni fa nella notte di San Silvestro sarebbe volato dalla finestra insieme a televisori e lavatrici rotte: oggi invece, sempre di più, gli elettrodomestici si “recuperano” e, nel caso dei condizionatori, si riciclano al 97,5%.

Li corretto smaltimento del climatizzatore può portare a un suo riciclo quasi integrale

A dirlo è Hitachi Cooling & Heating , a fianco del Consorzio Remedia, il principale Sistema Collettivo italiano no-profit per la gestione eco-sostenibile dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche), rifiuti da impianti fotovoltaici, pile e accumulatori.

LEGGI ANCHE: Televisori da gettare col nuovo digitale terrestre? I consigli di Remedia 

Come smaltire correttamente il vecchio climatizzatore?

Ci sono due possibilità:

  • In caso di sostituzione del condizionatore, con il ritiro 1 contro 1 il consumatore che acquista un nuovo climatizzatore consegna il vecchio elettrodomestico al negoziante. Il ritiro del vecchio da parte del commerciante è obbligatorio e gratuito presso il punto vendita.
  • Se invece il consumatore desidera semplicemente dismettere il vecchio climatizzatore, può consegnare gratuitamente il proprio apparecchio presso i Centri di Raccolta comunali.

In ogni caso, qualsiasi operazione di disinstallazione di un climatizzatore deve essere effettuata per legge da un tecnico frigorista certificato, in possesso cioè di un patentino per il trattamento dei gas fluorurati presenti nei climatizzatori.

Smaltimento del climatizzatore, il viaggio continua…

Prima del trattamento vero e proprio i condizionatori, come gli altri RAEE, vengono trasportati dal Centro di Raccolta Comunale agli impianti di trattamento, aziende che svolgono attività di stoccaggio e/o trattamento per il riciclo, recupero e valorizzazione dei materiali. Il trasporto deve essere effettuato a norma di legge da operatori esperti in grado di movimentare, ricevere e stoccare il rifiuto in modo ottimale, evitando danneggiamento e dispersione di sostanze pericolose.

Una volta consegnati all’impianto, i RAEE sono sottoposti alla fase di separazione che ha lo scopo di rimuovere i componenti e materiali pericolosi (come batterie, refrigeranti ozonolesivi o altri componenti) e agevolare il riciclo dei materiali.

Come si ottiene il riciclo del 97,5% del condizionatore?

smaltimento RAEE
Dal prodotto a fine vita si ottengono grazie al riciclo nuovamente materie prime che possono essere riutilizzate in nuovi cicli produttivi

L’attività di trattamento per il riciclo, recupero e valorizzazione dei materiali è realizzata grazie a vere e proprie “linee di produzione” che, invece di assemblare o trasformare materie prime e componenti in prodotti finiti, seguono il processo inverso. Dal prodotto a fine vita si ottengono così nuovamente materie prime che possono essere riutilizzate in nuovi cicli produttivi.

Remedia si avvale di partner certificati che investono nelle più moderne tecnologie per il trattamento dei RAEE.

Per i condizionatori, il 2,5% di materie rimanenti da questi trattamenti è costituito dal condensatore e da pochi altri materiali di scarto poiché anche i gas refrigeranti, se trattati correttamente come da standard Remedia, possono essere estratti, messi in sicurezza e in alcuni casi rigenerati.

I risultati

Grazie all’accordo con Remedia, Hitachi Cooling & Heating ha restituito all’ambiente un beneficio tra il 2016 e il 2018 pari a quello che avrebbe portato il fermo di 3508 auto; questo intervento  fa parte di un piano ambientale a livello globale che comprende anche il progetto Zero waste to landfill facilities. Negli ultimi due anni, l’impegno nel ridurre l’impatto ambientale si è concretizzato nel riciclare, riutilizzare o convertire in energia il 100% dei rifiuti dei maggiori stabilimenti produttivi Hitachi in Europa e Giappone. Obiettivo raggiunto anche grazie ad accordi presi con le imprese locali di smaltimento, che hanno identificato e implementato misure alternative allo smaltimento in discarica.

Articoli correlati