Input your search keywords and press Enter.

Servizio di polizia ambientale della Guardia di Finanza

Il servizio di polizia ambientale vede sempre più impegnati gli uomini della Guardia di Finanza. Nelle ultime settimane, molto attivi sono stati i militari della Sezione Operativa Navale di Brindisi che hanno concentrato l’attenzione lungo la fascia costiera.  Nel mirino delle Fiamme gialle casi di abusivismo edilizio ed ambientale. i finanzieri hanno rilevato violazioni di natura penale.

Nello specifico, in località Santa Sabina (Carovigno – BR) i militari hanno riscontrato l’occupazione abusiva di un’area demaniale sottoposta a vincolo paesaggistico. L’occupante, autore di lavori edili, poiché l’area non era stata affidata in concessione è stato denunciato anche per deturpamento di bellezze naturali perché privo di ogni autorizzazione e nulla osta per l’esecuzione degli stessi.

All’interno dell’Area Marina Protetta di Torre Guaceto, invece, tuttora sono in corso indagini per risalire agli autori di due scivoli, abusivi, realizzati per permettere la discesa in acqua di natanti. Lo sbancamento della falesia di argilla (già danneggiata dalle mareggiate dello  scorso mese di marzo che avevano modificato la morfologia della costa con la nascita di faraglioni ed anfratti),  è stata effettuata mediante l’utilizzo di ruspe  cingolate che hanno causato un vero e proprio scempio ambientale e paesaggistico.

Nella zona industriale di Brindisi, infine, i militari della locale Sezione Operativa navale hanno sottoposto a sequestro un’area di 1500 metri quadrati, nella quale sono stati abbandonati 20 tonnellate di rifiuti speciali. Anche in questo caso, sono in corso le indagini per risalire agli autori della gestione illecita dei rifiuti speciali.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *