Sequestro di novellame e vendita illegale di alcolici su demanio: 2 denunce

L’operazione è stata condotta a Molfetta dalla Guardia di Finanza in collaborazione con la Guardia Costiera

Controlli a tappeto della Guardia di Finanza a Molfetta insieme alla Guardia Costiera che hanno permesso di far emergere numerose violazioni.

Qualche giorno fa, è stato controllato un automezzo proveniente dalla città di Trani che trasportava kg. 14 di pesce (novellame), destinato per la vendita presso il mercato ittico al dettaglio. La merce, ritenuta in cattivo stato di conservazione da parte del Dirigente medico veterinario della ASL Bari, è stata sequestrata mentre il possessore è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria per la violazione agli artt. 5 lettera b) e 6 della Legge 283/62, “per aver detenuto per la vendita prodotti ittici in cattivo stato di conservazione e senza l’autorizzazione ministeriale”.  Il pescato è stato distrutto.

Controllate, poi, due “postazioni” per la vendita illegale di bevande ed alcolici: la prima allestita in località “Molo Pennello”, la seconda in località “Prima Cala; zone in cui insiste il demanio marittimo ed occupato abusivamente per circa 25 metri quadrati.

L’attività complessiva ha permesso di rinvenire: nr. 1 Gazebo, nr. 1 tenda da campeggio, nr. 1 sdraio, nr. 1 barbecue, nr. 2 pensili, nr. 3 teli ombreggianti, nr. 27 sedie in plastica, nr. 4 tavoli in plastica e nr. 5 frigoriferi fuori uso colmi di ghiaccio contenenti complessivamente oltre 200 contenitori (tra bottiglie e lattine) di birra, acqua e altre bevande. La suddetta attrezzatura, ivi compresa la merce, è stata sequestrata e i due responsabili (uno noto ed altro ignoto) venivano denunciati all’Autorità Giudiziaria per l’ipotesi di reato di cui all’art. 1161 comma 1 e 54 del Codice della navigazione.

Articoli correlati