Sequestri a Taranto e Napoli, Assobioplastiche: “Alzare la guardia su materiali a contatto con gli alimenti”

La Guardia di Finanza ha sequestrato a Taranto oltre 1,5 milioni di prodotti, tra cui piatti di plastica e altri articoli monouso, potenzialmente dannosi per la salute

Bianconi (Assobioplastiche): “I sequestri di Taranto e Napoli dimostrano che l’illegalità continua ad essere una piaga che affligge il mercato. Grazie alle forze dell’ordine che hanno impedito l’immissione sul mercato di prodotti non a norma e, nel caso di Taranto, anche potenzialmente dannosi per la salute”

 

Oltre 1,5 milioni di prodotti, tra cui piatti di plastica e altri articoli monouso, non conformi e potenzialmente dannosi per la salute pubblica sequestrati dal Comando Provinciale di Taranto della Guardia di Finanza. Sei quintali di shopper monouso in plastica illegali confiscati dalla Polizia Municipale di Napoli. Sono queste le due ultime operazioni delle forze dell’ordine che hanno impedito l’immissione sul mercato di prodotti non a norma.

Forti rischi per la salute


L’origine e la tracciabilità di articoli come le buste di plastica, che spesso giungono da fuori Europa, non è sempre garantita

In particolare, il sequestro di piatti e altri articoli monouso, fa emergere la necessità di alzare il livello di attenzione sui MOCA, “Materiali e Oggetti a Contatto con gli Alimenti”. Assistiamo ad un aumento di prodotti destinati al contatto alimentare, fabbricati con materiali alternativi. L’origine e la tracciabilità di questi articoli, che spesso giungono da fuori Europa, non è sempre garantita. Occorre quindi verificare la loro effettiva aderenza alle prescrizioni di legge, in modo da assicurare la salubrità di cibi e bevande che vengono a contatto con questi materiali.

“Ringraziamo le forze dell’ordine per il loro impegno nel contrasto agli abusi. Queste due operazioni dimostrano che l’illegalità continua ad essere una piaga che affligge il mercato con potenziali rischi anche per la salute dei cittadini” ha sottolineato Luca Bianconi, presidente di Assobioplastiche. “Ribadiamo l’importanza di quegli strumenti che sono stati messi in campo per supportare e difendere gli operatori che lavorano correttamente e onestamente in questo settore. È il caso della piattaforma on-line realizzata da Assobioplastiche, (https://assobioplastiche.org/segnalazioni-illegalita) con il supporto del Consorzio Biorepack, per la segnalazione di potenziali illeciti nel settore degli imballaggi in plastica biodegradabile e compostabile e delle frazioni similari”.

Articoli correlati