Input your search keywords and press Enter.

Sequestrato un frantoio a Sava, nel tarantino

E’ stato accertato dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Taranto un caso d’inquinamento ambientale e pericolo per la salute pubblica. I militari di Manduria, infatti, hanno posto sotto sequestro un’azienda agricola specializzata nella produzione e commercializzazione di olio. L’impresa è ubicata a Sava, in provincia di Taranto. Sono stati scoperti gravi abusi nella gestione del ciclo produttivo. E’ stato accertato, in particolare, che l’azienda agricola scaricava sistematicamente le acque reflue derivanti dalla lavorazione delle olive direttamente nel suolo, utilizzando un invaso ricavato nell’uliveto adiacente l’opificio.

Sono stati constatati anche gli effetti del fenomeno d’inquinamento ambientale già in atto. Si sono formate, infatti, numerose pozze e acquitrini putrescenti e maleodoranti nei terreni circostanti per la saturazione del terreno e il mancato assorbimento delle acque sversate. Le attività ispettive, inoltre, hanno evidenziato l’utilizzo di acqua priva di certificazione di potabilità da parte della competente autorità sanitaria nel processo produttivo.

Tali fatti costituiscono un concreto pericolo per la genuinità del prodotto alimentare, la salubrità delle falde acquifere e un grave danno agli interessi e alla salute dei consumatori e dei cittadini dell’area messapica.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *