Input your search keywords and press Enter.

Sequestrati richiami fuorilegge di avifauna

Anche quest’anno, in occasione della stagione venatoria, gli operatori del Nucleo di Vigilanza Ittico Faunistica Ambientale ed Ecologica (IFAE) di Barletta, (guardie particolari giurate volontarie con funzioni di pubblici ufficiali, di polizia amministrativa e di polizia giudiziaria per il settore ittico e zoofilo con competenza territoriale provinciale), hanno intensificato i controlli sul territorio con servizi operativi anche notturni. Infatti, a causa delle particolari condizioni climatiche favorevoli, è in atto il passo migratorio di numerose specie di avifauna, in particolare quello delle quaglie (Coturnix coturnix).

Le attività di controllo operate dalle guardie nei giorni scorsi e che hanno interessato il territorio della Provincia BAT (Barletta – Andria – Trani) hanno portato al rinvenimento di cinque richiami elettromagnetici vietati (funzionanti e ben occultati) che riproducevano il verso della quaglia, completi di lettore a cassetta, timer, batteria, cassa acustica, cavetti, e morsetti vari. I timer erano impostati per far funzionare i richiami in una fascia oraria tra le ore 23.00 e le ore 05.00, per attirare la selvaggina sul posto e facilitarne l’abbattimento. La quaglia, attratta dal suono emesso, sosta per molte ore nei pressi dell’altoparlante, cosicché il bracconiere, ha facile gioco nell’abbattere, in pochissimi minuti, decine di esemplari.

Nei confronti di ignoti è quindi scattata una denuncia per il reato di esercizio venatorio con l’ausilio di mezzi non consenti, ai sensi della Legge n° 157/92 e della Legge Regionale n° 27/98 art. 49, comma 2°; le attrezzature sono state consegnate all’Autorità giudiziaria competente, per la distruzione. Il bracconaggio elettromagnetico alla quaglia è molto diffuso, tant’è che in pochi anni si è registrata una rilevante diminuzione del numero di questi volatili, nonostante l’Unione Europea consideri la quaglia “animale in declino”, sottolinea il Vice Capo Nucleo Porcelluzzi. Purtroppo la caccia illegale continua a ripetersi nonostante i divieti e i continui controlli operati sul tutto il territorio.

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *