Sea Life: spazio ai bambini

Cercasi giovani, anzi giovanissimi amanti della natura marina, delle sue meraviglie e che abbiano voglia di promuovere la bellezza e la salvaguardia di questo delicato ecosistema. Non è uno dei nuovi programmi televisivi sulla natura che negli ultimi stanno spopolando nel nostro Paese, però sotto certi aspetti ha a che fare col mondo della comunicazione. Ma facciamo un passo per volta e andiamo a scoprire nel dettaglio questa curioso progetto.

Aspettando l’inaugurazione… – Il prossimo giugno aprirà il Sea Life Roma Aquarium – che sarà capace di ospitare 5000 esemplari e più di 100 specie acquatiche provenienti da tutti i mari – ed il sito ufficiale invita così i propri fans: «Sea Life Roma ti trasporterà alle scoperte del magico mondo marino. Preparati ad incontri ravvicinati con creature straordinarie. […] Non potresti vederli più da vicino… senza bagnarti!». In attesa della stagione estiva, però, l’organizzazione ha lanciato un’iniziativa: un concorso per “arruolare” bambini tra 6 e 12 anni che abbiano il ruolo fondamentale di promozione dell’evento. Per partecipare, i “piccoli ambientalisti” dovranno inviare – nel periodo 1-30 marzo (quindi mancano pochi giorni) – un piccolo saggio che illustri l’importanza e la necessità di proteggere il mare ed i suoi abitanti, a cui va allegato anche un originale disegno raffigurante una creatura immaginaria del mare, che sia quindi frutto della fantasia dei bambini.

Sea Life Roma Aquarium potrà ospitare 5mila esemplari e più di 100 specie acquatiche provenienti da tutti i mari

Dove inviare questi elaborati? Naturalmente su facebook, il social network per eccellenza dei ragazzini; caricandole sulla pagina ufficiale ww.facebook.com/sealiferoma , le composizioni saranno votate da tutti gli utenti che vi entreranno e la visiteranno (cliccando su “Mi piace”), ed una giuria di esperti selezionerà nell’arco dei sette giorni successivi al 30 marzo i lavori più rappresentativi. Nascerà così il giovane comitato ufficiale dei 12 membri del Sea Life.

Non solo spettacolo – Lo abbiamo già detto, questo grande acquario capitolino sarà molto più di una semplice attrazione delle meraviglie marine; vuol essere anche e soprattutto leader e promotore della conservazione delle specie più a rischio estinzione, nonché dell’informazione sulle pratiche crudeli per i poveri abitanti del mare: su tutte lo shark finning, ossia la pratica di asportazione della pinna agli squali. Per i bambini vincitori del concorso, poi, ci sarà il giusto riconoscimento: oltre a ricevere un pass annuale per Sea Life, una borsa, l’ambito attestato di “Giovani Ambientalisti”, parteciperanno come “ospiti Vip” all’inaugurazione e saranno direttamente coinvolti in alcune attività speciali legate all’ambiente. Come infatti ha ricordato nella conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa, Domenico Ricciardi, Presidente di Mare nostrum Romae, «è un’occasione per far conoscere ai bambini la vera realtà dei pesci», segno che il percorso di crescita e di conoscenza per loro, e non solo, deve avvenire nella realtà materiale e “tattile”, e non soltanto nella realtà virtuale in cui i bambini di oggi insistono sempre più.

 

 

Sea Life Roma Aquarium potrà ospitare 5mila esemplari e più di 100 specie acquatiche provenienti da tutti i mari

 

Articoli correlati