Se gli alberghi danno lezione di ecosostenibilità

Il Green Luxury Award 2013 premia le strutture alberghiere ecosostenibili nei materiali utilizzati nella costruzione e soprattutto nell’accoglienza green dei propri ospiti

Sarà un caso, ma sono sempre di più le strutture alberghiere che puntano a contraddistinguersi nel panorama della ricettività per un’offerta il più possibile green: e non si tratta solo di materiali utilizzati nella costruzione o nei sistemi per l’uso responsabile di energia, quanto nell’intercettare una richiesta che proviene da una clientela sempre più attenta al wellness, al benessere psicofisico. Ecco che allora si moltiplicano i concorsi che premiano grandi catene o singoli hotels; e non importa che l’ecosostenibilità venga dalle Alpi o dalle località marine, l’essenziale è che si ragioni in termini di rispetto dell’ambiente e di “consumo responsabile” delle strutture.

L’ultimo premiato in questo settore è, ad esempio, è l‘Arosea Life Balance Hotel un albergo sulle Dolomiti che ha ottenuto la nomination al Green Luxury Award 2013. Il premio è stato creato per celebrare il 5° anniversario della prestigiosa rivista austriaca Travel & Lifestyle Magazine e premia le strutture alberghiere ecosostenibili nei materiali utilizzati nella costruzione e soprattutto nell’accoglienza green dei propri ospiti, in particolare nel food a chilometro zero e nei trattamenti wellness a base di prodotti naturali. 

Situato a 1.150 metri di altitudine di fronte al lago di Zoccolo a Pracupola in Val d’Ultimo, l’Arosea Life Balance Hotel è l’esempio di design ecosostenibile in totale armonia con il paesaggio alpino circostante. Tre elementi naturali ne dettano le regole del concept architettonico: la lana di pecora, il legno di pino cembro e la pietra d’ardesia: elementi tutti  appartenenti alla valle, uniti alle energie rinnovabili a chilometro zero e funzionali alla filosofia del “lusso-spazio” (infatti in queste strutture il concetto di lusso viene sempre abbinato a quello di ecosostenibilità e a quello di armonia con la natura circostante).

Il Best Western Gruner Baum di Bressanone (BZ) è uno dei 6 hotel “5 foglie” Lifegate

Non solo questione di nicchia – Le grandi catene, a loro volta, insistono sull’efficienza generalizzata ma che non sia di nicchia e forniscono parametri di ecosostenibilità certificati, come è per la catena Best Western, non più in base alle “stelle” ma in base a “foglie”. E’ di poche settimane fa la conclusione del monitoraggio delle strutture alberghiere della catena statunitense, che rientra nel progetto Stay for Planet; come recita il sito Best Western,  l’impegno  è quello della “gestione sostenibile della propria  attività monitorando i consumi, attuando azioni di efficienza energetica e riducendo il proprio impatto ambientale grazie a comportamenti virtuosi.” Così gli hotels vengono valutati in base a 5 parametri (Energia, Acqua, Rifiuti,Acquisti, Comportamenti) che delineano la performance ambientale di ciascun albergo.  

Stay for Planet è stato lanciato da LifeGate, la community per stili di vita e modelli economici sostenibili e Best Western può vantare risultati lusinghieri : 6 strutture hanno ottenuto le ambite 5 foglie, le emissioni di CO2 sono diminuite complessivamente del 14% e l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili è arrivata al 31% sul totale di energia impiegata. Con l’obiettivo di promuovere la consapevolezza dell’impatto ambientale di ogni soggiorno e nell’ottica della trasparenza nella comunicazione al cliente, le pagine dei singoli alberghi sul sito della catena mostrano già le foglie LifeGate attribuite alle strutture. e le informazioni relative alla percentuale raggiunte per gli ambiti di Energia, Acqua, Rifiuti, Acquisti e Comportamenti.

Il contest “GreenMarathon” su Facebook si concluderà il 26 dicembre 2013

Un concorso a premi – E per incentivare la cultura della sostenibilità è partita addirittura la GreenMarathon, un vero e proprio contest che coinvolge fan e follower in modo divertente con un obiettivo virtuoso. Sulla pagina Facebook di Best Western Italia, l’applicazione invita a intraprendere percorso a fasi differenti, ognuna dedicata ad un particolare comportamento sostenibile: muoversi, viaggiare, abitare, lavorare sostenibile sono le tappe che gli utenti sbloccheranno di settimana in settimana. Il contest prevede che ogni utente carichi una foto che sia la testimonianza della propria sostenibilità: questa azione permette loro di avanzare nella maratona. Il concorso si conclude il 26 dicembre 2013 e  prevede l’assegnazione di premi ad alto tasso di sostenibilità: TravelCard dal valore di 50€, bicicletta con logo consapevoli.bestwestern.it e un soggiorno di tre notti per due persone in un hotel Best Western con rating 4 o 5 foglie LifeGate, estratto a sorte tra i partecipanti di tutte le tappe.

 

Articoli correlati