Input your search keywords and press Enter.

Scuola, suona la campanella eco-sostenibile

La prima lezione arriva ancor prima di sedersi tra i banchi. Perché l’avvio dell’anno scolastico può – e deve – essere affrontato all’insegna dell’ eco-sostenibilità. E per l’ambiente, una delle materie più importanti non solo nella scuola, sono già in programma iniziative e progetti in tutta Italia.

“Nuova luce al recupero” vede la collaborazione tra il consorzio Ecolamp e Amsa-Gruppo A2A

… E luce fu – A Milano, ad esempio, con le prime campanelle suona anche la ripresa delle attività di “Nuova luce al recupero”: sedici scuole meneghine riceveranno nuovamente la visita di un ospite speciale, un veicolo attrezzato per la raccolta delle lampadine a basso consumo esauste. Come avvenuto fino allo scorso giugno, all’ingresso degli istituti, una volta al mese durante l’orario d’entrata degli alunni (7.45-8.45), studenti e genitori potranno consegnare le proprie lampadine con l’assistenza di un addetto Amsa (Azienda Milanese Servizi Ambientali).  «Un progetto ambizioso che sta lentamente portando i suoi frutti, sia in termini di raccolta che di conoscenza e sensibilizzazione al tema – spiega Fabrizio D’Amico, direttore generale del Consorzio Ecolamp – e attraverso il progetto, da fine febbraio a inizio settembre sono stati raccolti oltre 800 chili di sorgenti luminose, ovvero più di 6.900 pezzi tra lampadine e neon». L’obiettivo è quello di aumentare il dato relativo alla raccolta differenziata delle lampadine, favorendone la conoscenza e la facilità del conferimento per farla diventare un’abitudine consolidata.

Per quest'anno scolastico il Gruppo Hera propone 33 progetti tra i quali scegliere

Acqua, grande protagonista – Varca i cancelli della scuola anche “La grande macchina del mondo”: ritorna, infatti, il progetto di educazione ambientale del Gruppo Hera, che solo negli ultimi 3 anni ha coinvolto oltre 150mila studenti. L’offerta educativa è composta da percorsi su acqua, energia e ambiente ed è interamente gratuita per le scuole. In questa quarta edizione, il programma di iniziative didattiche si è arricchito di due nuovi laboratori dedicati all’ambiente: “Carta da favola” e “Non incartiamoci”, avventure fantastiche per spiegare ai bambini l’importanza di risparmiare carta e fare una corretta raccolta differenziata. Ma ce n’è per tutti i gusti (eco-sostenibili): sono 33 complessivamente i progetti tra i quali scegliere, per un totale di 7.000 ore formative e 2.500 classi coinvolte. «Questa scelta per noi è del tutto coerente con la nostra mission – spiega Tomaso Tommasi di Vignano, presidente Gruppo Hera – ed è però indispensabile la collaborazione attiva dei cittadini. Appare, dunque, sempre più strategico investire sulla consapevolezza, soprattutto dei più giovani, verso tematiche quali, ad esempio, il riciclo, l’uso razionale dell’acqua, il risparmio energetico o l’utilizzo di energia rinnovabile». (Info www.gruppohera.it/scuole)

Assocatering propone set di piatti, posate, bicchieri, vassoi tutti in bioplastica, con le caratteristiche di igiene, durata e resistenza delle plastiche tradizionali

Dai banchi, l’insegnamento si sposta poi anche a tavola. Sono tanti i comuni e le scuole, che per ridurre la produzione di rifiuti, preferiscono affidarsi a prodotti biodegradabili e compostabili al 100% per le mense. Nasce così la “voglia di monouso” – come recita lo slogan di una delle aziende più attive sul mercato, la Assocatering: set di piatti, posate, bicchieri, vassoi tutti in bioplastica, con le caratteristiche di igiene, durata e resistenza delle plastiche tradizionali. E se non bastasse il risparmio e il vantaggio per l’ambiente, c’è un’altra caratteristica a rendere appetibile questo tipo di prodotti: la possibilità di personalizzare le tovagliette con disegni, giochi istruttivi, messaggi di educazione ambientale a misura di studente. Si torna tra i banchi ma forse, visto così, il rientro a scuola sarà meno traumatico.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *