Scuola plastic free? Bitonto c’è

Un progetto nelle scuole dell’infanzia per contrastare l’uso della plastica da esportare in tutta la Puglia

È partito questa mattina nelle scuole dell’infanzia di Bitonto il progetto “La mia Scuola è plastic free”, promosso da Legambiente Puglia e dal circolo locale di Bitonto “Pino Di Terlizzi” per contribuire a nuovi modelli di produzione e consumo sostenibili, coinvolgendo ben 30 classi in cui è previsto il servizio di mensa scolastica in attività varie volte a ridurre la produzione dei rifiuti e in particolare della plastica.

“La mia Scuola è plastic Free” nasce in risposta alla “Campagna di Sensibilizzazione plastic free” nell’ambito del più ampio progetto “MENSA SCOLASTICA PLASTIC FREE” del Comune di Bitonto. Inizialmente previsto in presenza, il percorso è stato rimodulato e adattato alle modalità a distanza, coinvolgendo docenti, studenti e famiglie in attività ludiche in cui imparare divertendosi.

Contest, competizioni, monitoraggi e riciclo creativo sono solo alcune delle attività che coinvolgeranno gli studenti, che alla fine del percorso realizzeranno un vademecum da diffondere nelle scuole e in tutta la città, su come riciclare correttamente la plastica e soprattutto come ridurne l’utilizzo. Al termine della competizione tra studenti e famiglie verrà individuata la classe e la famiglia più “riciclona”, premiando il lavoro di riciclo più innovativo e meritevole, che verrà esposto in una mostra virtuale o in presenza di tutti i lavori realizzati.

“La mia Scuola è plastic free” è un progetto pilota che mette al centro le scuole e le comunità educanti nella sensibilizzazione delle nuove generazioni, promuovendo buone pratiche in grado di prevenire e contrastare la produzione della plastica. L’obiettivo è la replicabilità del progetto in tutte le scuole di Puglia.

«Questo progetto – dichiarano il direttore di Legambiente Puglia, Ruggero Ronzulli, e la presidente del circolo locale di Bitonto, Loredana Modugno – rappresenta un nuovo passo avanti nella strategia più ampia di riduzione della plastica, tra i materiali più diffusi che danneggiano fortemente gli ecosistemi. Serve entrare nelle scuole partendo dall’educazione dei più piccoli, affinché un giorno siano cittadini consapevoli delle loro azioni e di ciò che nuoce all’ambiente. “La mia Scuola è plastic free” è un percorso educativo a 360 gradi che coinvolge alunni e genitori in modo originale e ludico, mescolando l’obiettivo di una giusta causa al divertimento, un ingrediente fondamentale per tenere alta l’attenzione dei più piccoli».

«L’Amministrazione Comunale – dichiara il sindaco di Bitonto, Michele Abbaticchio – ha aderito all’iniziativa promossa dal Ministero dell’Ambiente “Plastic Free Challenge” ispirata ad una strategia di economia circolare, anziché lineare, con l’obiettivo di medio-lungo periodo di rifiuti zero e di una revisione del ciclo dei rifiuti e delle misure anti-inquinamento. Anche Bitonto deve diventare una “città circolare”. Più specificatamente e considerato che la ristorazione scolastica è uno dei settori più importanti e significativi su cui intervenire per la riduzione complessiva dei rifiuti, sia per i quantitativi di plastica che per le potenzialità formative ed educative di un progetto che coinvolge studenti e giovani generazioni, partiremo proprio da questo ambito: nasce il Progetto “MENSA SCOLASTICA PLASTIC FREE”. Tra i tanti interventi strutturali, utili a rendere le mense scolastiche conformi alle direttive antinquinamento, saranno a partire da oggi, e compatibilmente con l’eventuale alleggerimento delle misure anticontagio vigenti, consegnate ai bambini della scuola dell’infanzia, borracce realizzate con materie prime non inquinanti. La sensibilità dell’azione amministrativa unita alla sensibilità collettiva, consegnerà alle giovani generazioni un ambiente verde privo di grigiore e grondante di colori».

Articoli correlati