Scoperta discarica abusiva con i droni della Regione Puglia

Si tratta di un’area all’interno del Parco delle Gravine. C’erano rifiuti urbani, carcasse e pezzi di auto demolite e refrigeratori

 

Grazie ai droni, il personale della Sezione di vigilanza ambientale – Dipartimento Ambiente della Regione Puglia ha scoperto una discarica abusiva nel Comune di Statte, in contrada Grottafornara.

Insieme agli agenti della Polizia Stradale di Taranto, gli operatori hanno individuato in un’area situata in una zona protetta del Parco Naturale Regionale “Terra delle Gravine” un centro di raccolta di rifiuti pericolosi. Si tratta di parti di autovetture demolite.

I veicoli e i rottami scoperti erano in evidente stato di abbandono e mancavano i basilari sistemi di protezione ambientale: infatti, i liquidi e le scorie prodotte dal deperimento e dallo smontaggio dei pezzi finiva direttamente sul terreno, visto il pessimo stato di conservazione della pavimentazione, inquinandolo.

All’interno della proprietà c’era una struttura metallica dotata di scaffali dov’erano accatastati parti dei veicoli e i vetri delle auto; inoltre, nella zona ad est, tra un’abitazione e un muro di cinta, c’erano ingenti quantità di rifiuti solidi urbani parzialmente bruciati.

È stata scoperta persino una manomissione del contatore dell’energia elettrica.

Segnalati inevitabilmente all’Autorità Giudiziaria gli autori degli illeciti in materia ambientale, mentre sono state sequestrate 6 scocche di veicoli e carcasse di banchi vendita refrigerati ed espositori per prodotti da frigo depositati direttamente a terra su pavimentazione drenante. Sono stati messi i sigilli lungo tutto il perimetro dell’area interessata dall’illecito.

“Ringrazio il personale della sezione di Vigilanza ambientale – commenta l’assessore all’Ambiente Anna Grazia Maraschio – che insieme alle Forze dell’Ordine sta operando sul territorio a tutela delle aree più sensibili per contrastare l’abbandono indiscriminato dei rifiuti”.

Articoli correlati