Input your search keywords and press Enter.

Scommessa dell’Arabia Saudita: «Tra qualche decennio indipendenza energetica dal petrolio»

Un annuncio spiazzante è stato reso noto dal principe Turki Al Faisal Al Saud (nella foto), portavoce dell’Arabia Saudita al Simposio mondiale sull’Economia in Brasile: «L’Arabia Saudita punta ad alimentarsi col 100% di energie rinnovabili».

La nuova politica energetica della nazione saudita dovrebbe concretizzarsi in tempi molto lunghi, presumibilmente nei prossimi decenni. Obiettivo dichiarato  dal principe Al Saud è quello di «utilizzare il petrolio unicamente per produrre materiali plastici e polimeri, fermo restando l’interesse dell’Arabia Saudita ad assicurare le forniture di combustibili fossili diretti verso le altre economie mondiali».

Joss Garman, direttore politico di Greenpeace, coglie l’occasione di questa inaspettata svolta ambientalista dell’Arabia per criticare l’operato del Cancelliere allo Scacchiere (il ministro delle finanze britannico) George Osborne: «Il fatto che l’Arabia Saudita si accorga dei benefici derivanti dal passaggio alle fonti energetiche pulite la dice lunga rispetto all’apparente miopia di George Osborne, ma quella saudita non sarà mai realmente un’economica verde finché non lascerà i suoi combustibili fossili nel terreno».

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *