Scogliera corallina di Monopoli: fake news o scoperta scientifica?

Il nostro giornalista Ruben Rotundo modererà domani un incontro dal titolo “La scogliera corallina di Monopoli: fake news o scoperta scientifica?”.

A rispondere alle domande del nostro giornalista il prof. Giuseppe Corriero, direttore del Dipartimento di Biologia dell’Università di Bari, che ha seguito la ricerca durata tre anni.

“Una scoperta che fai una sola volta nella vita – ha subito puntualizzato Corriero –  con verifiche durate ben tre anni. Vorrei che la notizia si detossificasse. Adesso è importante proteggere e valorizzare l’area. Il mio auspicio -conclude – è che la politica comprenda l’importanza di sostenere la ricerca”.

Le peculiarità di questa scoperta sono la profondità, 50 metri, e la biodiversità presente nell’habitat praticamente intatto. Si pensa che la cosiddetta barriera sia molto più estensa e che comprenda tutta la costa pugliese. Allo studio l’ipotesi di creare anche un area marina protetta.

L’appuntamento è per martedì 16 aprile alle ore 17.30, nell’auditorium di Fondazione Puglia (via Venezia, 13) per la rassegna Non Di Sole Parole, Bari parla di Bari, organizzata da Puglia Cultura e Territorio e patrocinata dall’Ordine dei giornalisti della Puglia.

Leggi anche: Biodiversità in Puglia: la barriera corallina a Monopoli

(la foto di copertina è stata gentilmente concessa da Athos Mastropierro – vietata la riproduzione non autorizzata dall’autore)

Articoli correlati