Input your search keywords and press Enter.

Salve, mega-villaggio a due passi dall’Isola della Fanciulla

L'Isola della Fanciulla tra Salve e Torre Pali (LE)

Dopo circa dieci anni dalla presentazione dell’istanza, il cantiere per la realizzazione del megavillaggio turistico integrato “Isola della Fanciulla” può forse iniziare. Localizzato nell’omonima e leggendaria località, tra Salve e Torre Pali in provincia di Lecce, la grande struttura ricettiva ha un costo di 22.4milioni di euro e gode di un’agevolazione di 7,5milioni concessa dalla Regione Puglia in ordine al Programmi Integrati di Investimento (PIA) Turismo 2007-2013. Ma a tanti il progetto fa già paura e suscita rabbia perché calato in un contesto ambientale assolutamente non privo di pregio, anzi.

La mega struttura turistica conta 247 case, ristorante, alloggi di servizio, sale convegni, centro benessere, un anfiteatro, impianti sportivi

Il progetto – Basterebbero i numeri a render conto delle dimensioni dell’insediamento per il quale il consorzio composto dalle marchigiane Awr srl, Costruzioni Frapiccini srl, dalla milanese Italian Hotels srl e dalla salentina (unica azienda locale) Torre srl di Morciano di Leuca, ha appena depositato il progetto Valutazione Impatto Ambientale (VIA). Stiamo parlando, infatti, di una struttura turistica con 247 case (204 monolocali e 43 bilocali), un ristorante da 180 posti e 3 alloggi di servizio. Annessa è prevista un’altra struttura di due piani composta, al piano terra, da due sale convegni da 1586 posti e un’altra collegata da altri 572 posti; 33 unità abitative per gli ospiti, 56 salette per incontri ristretti di 6/10 persone e un ristorante coperto da 450 posti. E non è finita qui, perché il consorzio, nel piano costi, ha indicato anche la volontà di realizzare un centro benessere, un anfiteatro, impianti sportivi. Saranno assunti 38 operai (20 donne) e due impiegati (una donna). Il termine dei lavori è previsto per giugno 2014. L’anno di entrata “a regime” della struttura il 2015. Il megavillaggio dovrebbe sorgere “a cavallo della Provinciale 91 Gallipoli – Santa Maria di Leuca” – recita la relazione istruttoria – su una superficie ampia 241.236 metri quadrati. La superficie complessiva coperta è di 10.324 metri quadrati per una volumetria totale di 45.985 metri cubi.

L’obiettivo del consorzio Isola della Fanciulla è destagionalizzare i flussi turistici, con una proposta che oltre al mare offre cibo, benessere, sport

 Dieci anni fa – Nel 2003 il progetto fu escluso dalla procedura di VIA. Ad agosto 2005 fu invece il presidente della Giunta Regionale ad approvare l’accordo di programma per la realizzazione della struttura, sottoscritto a marzo anche dal Comune di Salve. Due anni dopo, nel 2007, Torre srl ottenne anche il parere favorevole della Usl di Maglie, prima del nulla osta dell’ufficio pianificazione forestale della Regione, con prescrizione relative al vincolo idrogeologico rispetto all’attività di scavo finalizzati alla realizzazione del villaggio.

La “sfida”-  Il mega investimento entra, dunque, nel vivo. La sfida è lanciata e non soltanto a chi, solo l’idea di vederlo realizzare, promette battaglia ma anche ai competitor. Solo una società del consorzio è, infatti, di “settore”, avendo già gestito un hotel. L’obiettivo che tutte le società consorziate in Isola della Fanciulla scarl dichiarano  è destagionalizzare i flussi turistici, attraverso un’offerta che abbina il “mare” al “cibo”, al “benessere” e allo “sport”, aggredendo nello specifico la domanda proveniente dai mercati nord-europei e americani.

 

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *