Input your search keywords and press Enter.

“RiverSea”: la carica dei 60

La bandiera di Marevivo sventola sulle spiagge

Estate. Tempo di mare, di vacanze e di relax. Ma anche di impegno sociale a sostegno della natura e dell’ambiente marino. Almeno per i 60 ragazzi, tra i 18 e i 35 anni, selezionati tra Roma, Palermo e Agrigento dall’associazione ambientalista Marevivo per partecipare attivamente al progetto “RiverSea” e mettersi in gioco con la propria creatività e il proprio impegno in attività di sensibilizzazione al rispetto dell’ambiente e alla salvaguardia della fauna marina. Scopo prioritario del progetto di Marevivo – finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento della Gioventù – è, infatti, quello di far emergere la creatività e il protagonismo dei giovani selezionati e, al tempo stesso, promuovere stili di vita sostenibili e rispettosi dell’ambiente, con un’attenzione particolare alla tutela e alla valorizzazione degli ecosistemi marini e fluviali. Tema principale dell’iniziativa è la salvaguardia degli squali e la promozione di una pesca eco-sostenibile.

La pulizia della battigia organizzata da "Marevivo"

Ci sarà spazio anche per escursioni ed interventi in luoghi bisognosi di protezione ma finora sostanzialmente trascurati dalla legislazione nazionale, per lunghe esperienze sul campo ed attività di laboratorio e di divulgazione scientifica e, ancora, per interessanti lezioni su squali e posidonia ed incontri e seminari sul problema dei rifiuti. Il tutto con l’intento di fornire ai giovani che partecipano al progetto i ferri del mestiere necessari ad ideare e porre in essere attività di sensibilizzazione a sostegno dell’ambiente marino e fluviale.

Le “azioni” previste dal progetto – A Roma, “i giovani RiverSea” sono già all’opera presso l’Isola del Cinema, dove, per tutti i venerdì e i sabato di luglio, guideranno i visitatori in un sorprendente viaggio nel mondo degli squali, antichissimi predatori, oggi predati. Da una parte, infatti, il percorso pensato per turisti e scolaresche mette in mostra la maestosità di queste affascinanti creature marine, inserite nel loro habitat naturale; dall’altra pone l’attenzione sulla loro fine violenta ad opera dell’uomo, per alimentare un commercio illegale di carne e di pinne. Inoltre, grazie alla collaborazione con Universal Pictures Italia, all’interno dell’eco-lab, è possibile visionare in anteprima il trailer di SEA REX – I dinosauri degli abissi marini, il primo documentario sui dinosauri dei mari.

Marevivo all'opera sul Tevere

In Sicilia, invece, nell’Area Marina Protetta di Capo Gallo – Isola delle Femmine (PA), i giovani selezionati da Marevivo, già a partire dai prossimi giorni, saranno impegnati nella pulizia dei fondali e della battigia, mentre nell’Oasi di Eraclea Minoa (AG) si punterà sulla sensibilizzazione e la divulgazione direttamente sulle spiagge. Quattro le azioni previste dal progetto: dopo lo “Start-up” che ha individuato i protagonisti dell’iniziativa e fornito loro gli strumenti necessari per misurarsi sul campo, l’azione “Summer”, attualmente in corso, vede i 60 giovani selezionati operativi in attività di sensibilizzazione rivolte ai bagnanti che affollano le spiagge siciliane e ai cittadini romani, spesso all’oscuro dei tanti segreti del fiume Tevere. La successiva azione “Winter”, prevista per il prossimo inverno, porterà, invece, i giovani coinvolti a lavorare nelle scuole, con iniziative laboratoriali e di divulgazione scientifica. Infine, nella quarta ed ultima fase del progetto, denominata “Insieme”, si approderà ad uno scambio costruttivo tra le esperienze svolte, attraverso un vero e proprio gemellaggio tra le diverse realtà territoriali che hanno aderito al progetto. In questa occasione, sarà, inoltre, presentato ed illustrato il Diario del mare, un reportage composto da foto, video, disegni ed elaborati, sull’esperienza vissuta dai giovani protagonisti dell’iniziativa.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *