Input your search keywords and press Enter.

Ritorno al nucleare

Il ministro per lo Sviluppo Economico Claudio Scajola, porta oggi in Consiglio dei ministri il decreto legislativo per la localizzazione dei siti dove sorgeranno le centrali nucleari e di stoccaggio delle scorie.

centrale nucleare

centrale nucleare

Il ministro, quindi,  darà mandato all’Agenzia per la sicurezza nucleare a definire le zone prescelte. Quest’ultima deciderà quali aree interessare in base ai criteri internazionali dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aeia) e dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (Ocse).  Le zone interessate devono rientrare nei parametri minimi dal punto di vista della sismicità e della stabilità idrogeologica (rischio di alluvioni e frane). L’Agenzia farà anche valutazioni tecniche strategiche e ambientali come per esempio la necessità di grandi quantitativi di acqua. Individuati quindi i siti all’interno delle aree selezionate questi saranno sottoposti a una Conferenza Unificata Stato, Regioni, Province e Comuni.

bidone per lo stoccaggio di scorie radioattive

bidone per lo stoccaggio di scorie radioattive

Per convincere gli enti locali, Scajola ha pensato a una ricompensa: un contributo una tantum nel corso della costruzione dell’impianto. 30 milioni di euro per reattore, in pratica 6 milioni all’anno divisi tra imprese, comune ospite e, in proporzioni decrescenti, comuni limitrofi. Sgravi fiscali sono previsti per i cittadini. Le centrali, infine, pagheranno 13 milioni di ICI l’anno, per tutta la durata del reattore, cioè 60 anni. La mira del governo è quella di aprire quattro cantieri entro il 2020 e poi altri quattro o sei, a seconda della grandezza, per raggiungere l’obiettivo di 13 mila Mw pari a un quarto del fabbisogno nazionale. I cinque siti che rispondono alle caratteristiche citate potrebbero essere Montalto di Castro, Rovigo, Caorso, Trino Vercellese e Termoli. La Puglia non ha aspet­tato di sapere se c’era o no in quell’elenco, e con legge regio­nale dello scorso 4 dicembre ha stabilito che “il territorio è precluso all’installazione di im­pianti di produzione di ener­gia elettrica nucleare, di fabbri­cazione del combustibile nucle­are, di stoccaggio del combusti­bile irraggiato e dei rifiuti ra­dioattivi, nonché di depositi di materiali e rifiuti radioattivi”. Dunque, niente nucleare dal­l’inizio alla fine del ciclo. C’è un però, che l’Agenzia per la sicurezza nucleare non è stata ancora istituita, doveva esserci prima del decreto sulla localizzazione. La protesta di Verdi, Legambiente e PD non si è fatta attendere perché, tra l’altro, convinti che la lista dei siti nucleari è stata già stilata ma il ministro la renderà nota solo dopo le elezioni amministrative di marzo, per evitare ripercussioni sul voto.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *