Input your search keywords and press Enter.

Rinoceronti al sicuro con l’Operazione translocation del WWF

Un grande rinoceronte indiano ha trovato una nuova casa nel Bardia National Park in Nepal, grazie a un’operazione di trasferimento dal Chitwan National Park al Terai Arc Landscape (TAL). Nella fotografia di Samir Jung Thapa/WWF Nepal-Hariyo Ban Program, il rinoceronte addormentato. Nei prossimi giorni, altri quattro rinoceronti intraprenderanno lo stesso viaggio. Fanno parte di un più ampio progetto per spostare, entro il 2018, venticinque rinoceronti al Parco Nazionale di Bardia e cinque nella Riserva naturale di Suklaphanta.

Il trasloco, che ha coinvolto l’uso di trentatrè elefanti e un team di circa duecentocinquanta persone, è stato condotto dal ministero delle Foreste e conservazione del territorio, con il supporto del WWF Nepal, l’Esercito del Nepal e le comunità locali. L’Operazione translocation è stata finanziata dal WWF Nepal, WWF Stati Uniti, USAID e US Fish and Wildlife Service.

«La spedizione è un passo importante verso la creazione di una seconda popolazione vitale nel complesso occidentale del Terai Arc Landscape, che comprende il Bardia National Park e la Riserva naturale di Suklaphanta -, ha dichiarato il ministro delle Foreste e Conservazione, Agni Prasad Sapkota. Il nostro obiettivo più grande è quello di riportare i numeri del rinoceronte alla sua dimensione storica che in Nepal era di circa 800 individui».

Il rinoceronte, un maschio adulto, è stato rintracciato e sedato al Chitwan National Park il 1 ° marzo scorso. È stato quindi dotato di un collare satellitare e caricato su un camion appositamente progettato per trasportarlo in sicurezza nel Bardia National Park in cui è stato rilasciato il 2 marzo.

Le prime operazioni di spostamento di questi grandi pachidermi, minacciati dal bracconaggio per il commercio illegale del prezioso corno, risalgono al 1986. In totale ottantasette individui sono stati spostati nel Bardia National Park e Shuklaphanta Wildlife Reserve , con risultati positivi visto che dal 1986 al 2000 sono nati ventisette piccoli. Da quando, nel 2002, ben trentasette rinoceronti sono stati uccisi in un solo anno, il governo del Nepal ha intrapreso un’azione efficace con l’obiettivo di raggiungere l’obiettivo “bracconaggio zero”.

Oggi, grazie anche alla collaborazione del WWF, la popolazione di rinoceronte del Nepal è in crescita, con 645 rinoceronti censiti nel Paese nell’indagine realizzata nel 2015.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *