Input your search keywords and press Enter.

RinnovaNet: l’unione fa la forza delle rinnovabili

In Puglia le energie rinnovabili si mettono a sistema. É nata infatti RinnovaNet, la rete che unisce le imprese pugliesi operanti nel settore al fine di cogliere le opportunità offerte dal contratto di rete ed essere maggiormente competitive sul mercato.

Il logo della rete

Finora sono 11 le aziende ad aver aderito al progetto, di cui otto pugliesi: Assioma Engineering Srl; Cantieri Generali Spa; Cestaro Rossi & C. Spa; Enerdaiet Srl; Energenia Sas; Energy Division by Alberto Santoro Srl; Esp Srl; Intini Angelo Srl; Renergia Srl; Solar Ingegneria Srl; Studio PM Srl. Queste realtà sviluppano un fatturato complessivo di 160 milioni di euro, con oltre 800 dipendenti e 150 megawatt di installazioni fotovoltaiche realizzate.

RinnovaNet si propone di avviare una serie di attività finalizzate a raggiungere obiettivi tra loro diversi. Primo tra tutti la promozione in Puglia di una “cultura delle energie rinnovabili”, tramite iniziative di sensibilizzazione, formazione e informazione ad ampio spettro. Altro obiettivo è dato dall’individuazione di opportunità commerciali, sia a livello locale e nazionale e a breve termine, che nei mercati internazionali. Sostenere il processo di crescita e consolidamento delle imprese aderenti, ottimizzando i costi, è il fine ultimo e ambizioso di RinnovaNet.

RinnovaNet: aree di competenza

E grazie alla messa in rete sarà dunque possibile superare i singoli limiti dimensionali delle aziende e, mantenendo inalterata la loro indipendenza, condividere strategie, competenze e risorse. Tra i vantaggi insiti nel progetto rientra anche la possibilità di beneficiare agevolazioni fiscali e condizioni facilitate di accesso al credito, soprattutto attraverso la partecipazioni a bandi presentati da enti pubblici. «La maggior parte delle aggregazioni di imprese – spiega Nicola Catalano, presidente di RinnovaNet – nasce a valle di una specifica opportunità di business come, ad esempio, un RTI per un bando pubblico o a valle di una precisa esigenza di servizi come per i consorzi; la rete RinnovaNet, invece, si pone a monte, attraverso la creazione di sinergie strategiche e operative tra imprese che si integrano per reagire alla crisi e sviluppare un programma che crei nuove opportunità di business».

Logo di Promem Sud Est Spa

Nel corso della propria attività RinnovaNet andrà ad avvalersi del supporto tecnico e operativo di Promem Sud Est Spa, società partecipata nata nel 1995 da banche, camere di commercio e Confindustria Bari e impegnata nel favorire processi di crescita per il Mezzogiorno. All’interno del settore legato alle energie rinnovabili, Promem Sud Est elabora studi di fattibilità economico-finanziaria, effettua valutazioni degli investimenti e pianificazioni finanziarie per le imprese. «Il nostro intervento – chiarisce Massimo Leone, amministratore delegato di Promem Sud Est – ha consentito di mettere a sistema un insieme di relazioni già esistenti e di cogliere le opportunità offerte dal contratto di rete che supera le rigidità dell’aggregazione consortile. RinnovaNet sta già intercettando interessanti opportunità commerciali; tra queste la partecipazione al bando Fondimpresa, che mette a disposizione 1 milione di euro per la realizzazione di piani formativi rivolti alle imprese organizzate in reti e al bando previsto dal Piano regionale per il lavoro, che finanzia con 9 milioni di euro le aggregazioni tra piccole e medie imprese, organismi di ricerca e università che investono in ricerca e innovazione».

La rete RinnovaNet resterà aperta e le imprese che vorranno aderirvi possono ancora presentare domanda. Per uleriori informazioni visitare il sito: www.rinnovanet.it.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *