Input your search keywords and press Enter.

Rifiuti: Ue avvia procedura contro l’Italia

Era nell’aria una mossa dell’UE contro l’Italia per il problema rifiuti. Ora la conferma: la Commissione europea ha aperto una procedura d’infrazione contro il nostro Paese per l’emergenza a Napoli. Il commissario all’Ambiente Janez Potocnik ha deciso,infatti, di inviare all’Italia una lettera di notifica formale, ricordandole l’obbligo di rispettare una sentenza della Corte Ue di Giustizia del 2010. Se l’Italia non si adeguerà, la Commissione di Bruxelles potrebbe portare il caso di nuovo davanti alla Corte e chiedere che venga comminata una multa. Il nostro Paese ha già alle spalle una messa in mora nel 4 marzo 2010, in cui si contestava l’utilizzo dei fondi strutturali Por per affrontare l’emergenza e non per realizzare quegli impianti che avrebbero consentito un’uscita definitiva dalla crisi. Motivazione analoga a quella che giustifica la nuova procedura: «Nonostante alcuni miglioramenti dalla sentenza della Corte Ue del 2010 – spiega la Commissione in una nota -, la regione Campania manca ancora di una rete di installazioni per la gestione dei rifiuti». Inoltre si segnala l’esistenza di «problemi ricorrenti con la raccolta e lo smaltimenti dei rifiuti a Napoli e in diversi altri Comuni della Campania».

Print Friendly, PDF & Email