Rifiuti, Italia prima in Europa per riciclo alluminio

Sono stati resi ufficiali, durante l’assemblea annuale delle imprese consorziate a CIAL – Consorzio Nazionale per il Recupero e il Riciclo degli Imballaggi in Alluminio, i risultati di raccolta e riciclo degli imballaggi in alluminio.

Il 2013 è stato un anno proficuo: sono state recuperate 47.500 tonnellate di imballaggi in alluminio, pari al 70,3% dell’immesso sul mercato (67.500 ton): un dato in crescita del 6& rispetto al 2012.

Il risultato è stato reso possibile grazie alla collaborazione dei cittadini e agli accordi stipulati fra CIAL e gli enti locali di riferimento. Sono infatti 5.400 i Comuni italiani che lavorano con il Consorzio (quasi il 70% del totale) con il coinvolgimento di oltre 46 milioni di abitanti (il 78% della popolazione italiana).

Grazie al riciclo di 43.900 tonnellate di imballaggi in alluminio sono state evitate emissioni serra pari a 370mila tonnellate di CO2 e risparmiata energia per oltre 160mila tonnellate equivalenti petrolio.

La totalità dell’alluminio prodotto in Italia, inoltre, proviene dal riciclo.

I trend confermano l’Italia al primo posto in Europa con oltre 878mila tonnellate di rottami riciclati (considerando non soltanto gli imballaggi).

Articoli correlati