Rifiuti, in Puglia è partito l’Osservatorio Regionale

L’osservatorio Regionale Rifiuti permetterà di valutare in maniera approfondita i dati sulla gestione del ciclo dei rifiuti e aprire un tavolo di confronto permanente con tutte le parti in causa

Maraschio: strumento fondamentale di monitoraggio e modernizzazione delle politiche ambientali

 

Prima riunione dell’Osservatorio Regionale Rifiuti, strumento fondamentale di monitoraggio e modernizzazione delle politiche ambientali in tema di rifiuti. La riunione si è tenuta all’assessorato all’ambiente, alla presenza dell’assessora al ramo Anna Grazia Maraschio, e dei rappresentanti di Confindustria, Arpa, Ager, Legambiente, Politecnico di Bari, Cnr – Irsa, Uil Puglia, i dipartimenti dello sviluppo economico e agricoltura.

Maraschio: “Fondamentale avere i dati”

L’osservatorio permetterà di valutare in maniera approfondita i dati sulla gestione del ciclo dei rifiuti e aprire un tavolo di confronto permanente con tutte le parti in causa e – sono parole dell’assessora Maraschio – “consentirà a tutti noi un confronto costruttivo, un momento di trasparenza dei percorsi attuati, delle eventuali criticità del sistema, degli sforzi compiuti. Da questo tavolo mi aspetto un contributo importante per superare le problematiche e per migliorare i processi. Uno degli obiettivi fondamentali è quello di avere a disposizione i dati e per fare questo dobbiamo mettere a sistema i vari strumenti informativi”.

Nelle intenzioni dell’assessorato c’è la creazione di un unico sistema in cui fare confluire i dati a disposizione, in modo da rendere più agevole la vita dei Comuni, che non dovranno più comunicare i dati su sistemi diversi. Altri temi cruciali  individuati dalla Maraschio cui l’osservatorio potrà dare impulso sono la riduzione della produzione dei rifiuti, il miglioramento del sistema di gestione dei rifiuti urbani, l’attuazione dell’economia circolare, il miglioramento della raccolta differenziata e l’utilizzo efficiente dell’impiantistica pubblica e privata.

Commenti, suggerimenti e proposte

Un momento della prima riunione dell’Osservatorio Regionale Rifiuti

“È fondamentale arricchire le informazioni dell’Osservatorio – ha aggiunto Vito Felice Uricchio, del CNR-IRSA – di un ulteriore elemento legato all’effettivo recupero dei materiali raccolti, anche al fine di alimentare le filiere dell’economia circolare con materiali di qualità. Ad esempio tra le plastiche è possibile mettere in campo strategie per raccogliere separatamente il PET ed il Polietilene, come è possibile spingere sul recupero di determinati biopolimeri per applicazioni ad alto valore aggiunto in campo medicale, cosmetico, elettronico, etc., generando occasioni si sviluppo economico ed occupazionale”.

L’Osservatorio Regionale Rifiuti permetterà anche di monitorare il contributo dei fanghi di depurazione. “L’Acquedotto produce una quantità intorno alle 200mila tonnellate all’anno di fanghi di depurazione che insieme alle 500mila tonnellate di Forsu rappresentano due importanti risorse sempre disponibili, per i quali vanno studiate delle soluzioni per un trattamento e un impiego sostenibile sul territorio regionale”, è il suggerimento di Michele Notarnicola, del Politecnico di Bari.

“Confindustria garantisce massima disponibilità e mette a disposizione la propria esperienza. È fondamentale promuovere la qualità della raccolta differenziata istruendo l’utenza su come differenziare in modo corretto”, ha affermato Fabio Montinaro.

Vincenzo Campanaro, direttore scientifico di Arpa Puglia, ha parlato della necessità di coinvolgere la polizia locale per i controlli sul corretto conferimenti dei rifiuti, mentre Stefano Delli Noci, del direttivo di Legambiente, ha posto l’accento sulla necessità di sensibilizzare le scuole.

Cosa farà l’Osservatorio Regionale Rifiuti

L’Osservatorio si riunirà periodicamente e sarà incardinato presso l’assessorato all’ambiente. Avrà i compiti principali di raccogliere, esaminare e armonizzare i dati riguardanti la gestione dei rifiuti;  creare un sistema informatico di produzione, acquisizione e diffusione dei dati sulla gestione dei rifiuti; modernizzare e snellire il sistema di raccolta, scambio e utilizzazione dei dati necessari per l’attuazione della politica ambientale; definire strategie comportamentali, informative ed educative per la riduzione dei rifiuti, implementare l’uso di tecnologie e delle migliori pratiche per la raccolta differenziata, la prevenzione, la riduzione e il riutilizzo dei rifiuti.

Articoli correlati