Input your search keywords and press Enter.

Rifiuti, Confartigianato Ladispoli sposa il progetto FareRaccolta

FareRaccolta, il primo sistema di raccolta differenziata non convenzionale d’Italia, aggiunge un nuovo ed importante tassello al suo percorso di diffusione sul territorio nazionale. È stato siglato un accordo di partnership con l’Associazione Litorale Nord di Ladispoli che, con il patrocinio di Confartigianato Imprese Roma Litorale Nord e del Comune di Ladispoli (Rm), punta a sviluppare l’economia locale attraverso una sinergia tra le postazioni FareRaccolta e le eccellenze locali.

Il progetto è un modello di marketing che rende possibile la sostenibilità economica dei sistemi di raccolta dei rifiuti. Non solo i rifiuti si trasformano da costo per la collettività a risorsa per i cittadini, ma si innesca direttamente lo sviluppo commerciale e la valorizzazione del territorio, attraverso l’educazione civica e la sensibilità sociale.

I cittadini, conferendo rifiuti in plastica PET nel sistema, generano un circolo virtuoso che permette di differenziare e ridurre il volume dei rifiuti. In questo modo garantiscono un risparmio sulla gestione dello smaltimento, agevolano la raccolta di materiale di qualità e il suo riciclo e abbattono le emissioni di CO2 derivanti dalla movimentazione dei rifiuti. Allo stesso tempo, gli utenti ricevono un buono spesa da utilizzare negli esercizi aderenti, per risparmiare sull’acquisto di prodotti locali o sulla fruizione di servizi turistici o culturali.

«La vera sostenibilità è rispetto dell’ambiente, economia locale, opportunità sociale», ha dichiarato Riccardo Bucci, presidente di Confartigianato Litorale Nord. «Ci aspettiamo un sensibile sviluppo del commercio locale, promozione del patrimonio artistico culturale del Lazio e connessioni commerciali extraterritoriali. Un sentito ringraziamento va al Sindaco Paliotta e al delegato all’igiene urbana Lupi del Comune di Ladispoli».

Le postazioni FareRaccolta attualmente attive in Italia sono 22. Queste hanno finora raccolto 649.520 pezzi, per un totale di 44 tonnellate di plastica PET pulito al 98%, e redistribuito 64.952 Euro di bonus. Dati che dimostrano il consolidamento della Clean Economy.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *