Rifiuti Campania, Circoli Ambiente: «Subito i termovalorizzatori»

«Servono immediatamente i termovalorizzatori e tutti gli impianti necessari a rendere la Campania autonoma ed in grado di smaltire da sola tutti i propri rifiuti. È necessario costruire almeno un termovalorizzatore in ogni provincia, così da ottenere una valorizzazione energetica del rifiuto indifferenziato, continuando a spingere per innalzare la percentuale della raccolta differenziata». È quanto ha dichiarato Alfonso Fimiani, presidente dei Circoli dell’Ambiente. Nella foto, il termovalorizzatore di Acerra.

«La Campania – Continua Fimiani – ha intrapreso un percorso importante e si vedono già i primi risultati: Comuni che pochi anni fa erano a meno del 10% oggi hanno superato il 50% di raccolta differenziata. Certo, si può fare ancora meglio ed un’azione sinergica tra Istituzioni, associazioni e cittadini potrà far raggiungere i picchi della differenziazione. E se alla stessa sarà abbinata una fiscalità ecologica in grado di ridurre i rifiuti sia in fase di produzione che in fase di consumo la nostra Regione potrà ergersi ad eccellenza e modello. Ma senza i termovalorizzatori, gli impianti a biomasse, gli strumenti atti a ridurre il rifiuto umido domestico, il ciclo dei rifiuti non verrà mai completato».

I Circoli si appellano ai cittadini, affinché terminino le manifestazioni drogate dalla sindrome NIMBY e si chieda alle Istituzioni, con determinazione e serietà, un’azione decisa per la costruzione degli impianti e la bonifica delle terre inquinate.

Articoli correlati