Rifiuti abbandonati in zone periferiche ed extraurbane: definita linea di intervento Regione-Anci

Incontro operativo tra Regione e Anci Puglia, sul tema dell’abbandono rifiuti nelle zone periferiche ed extra urbane. A breve un apposito Protocollo di intesa

Regione Puglia e comuni Pugliesi intorno a un tavolo per stabilire la strategia contro i rifiuti abbandonati in periferia. L’incontro operativo tra Regione e Anci Puglia, sul tema dell’abbandono rifiuti nelle zone periferiche ed extra urbane si è svolto oggi ed è stato richiesto da Anci Puglia, anche a seguito di istanza dei Sindaci dell’Area Metropolitana di Bari, che hanno fatto presente come quello dei rifiuti abbandonati sia diventato ormai vera e propria emergenza ambientale, che rischia di vanificare tutti gli sforzi di promozione e valorizzazione dei nostri territori. Presente per la Regione l’Assessora regionale all’ambiente Anna Grazia Maraschio, che ha chiamato al tavolo anche Ager Puglia e la struttura tecnica regionale competente.

LEGGI ANCHE: Rifiuti, approvato il nuovo piano regionale

E’ stata definita una linea di azione chiara e operativa, focalizzata sui seguenti obiettivi: – contrasto al fenomeno degli abbandoni attraverso una sinergia tra Comuni, Regione, province, Ager e Forze dell’Ordine, anche attraverso apposito protocollo già allo studio dell’Assessorato; – potenziamento delle dotazioni tecnologiche di controllo del territorio: fototrappole, droni e utilizzo delle Polizie metropolitane e provinciali; – revisione del meccanismo per cui tutti i rifiuti abbandonati sui cigli stradali che i Comuni virtuosamente raccolgono, purtroppo, vengono conteggiati come indifferenziato, con ricadute negative su percentuali di RD e su ecotassa. – attivazione di focus su pneumatici, inerti e amianto, sempre in chiave di supporto ai Comuni e miglioramento delle reti di recupero con i Consorzi.

A breve verrà sottoscritto un apposito Protocollo di intesa che coinvolga i soggetti istituzionali competenti.

Articoli correlati