Rifiuti, 4 nuove eco-stazioni selettive a Bari

Si possono raccogliere rifiuti in acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro a Japigia e al Libertà

 

Inaugurate a Bari 4 eco-stazioni, in due postazioni differenti, per la raccolta selettiva dei rifiuti di imballaggio. La prima è stata installata davanti all’ingresso del mercato coperto di Santa Chiara, a Japigia, la seconda all’ingresso del mercato coperto Madonna del Carmelo, in corso Mazzini.

L’iniziativa rappresenta l’avvio di una nuova fase del progetto, partito nell’autunno di due anni fa, nell’ambito del quale Bari è la prima città italiana ad attivare un test di raccolta selettiva, aperta solo ad alcuni tipi di rifiuti, quali i materiali di imballaggio in acciaio, alluminio, carta, plastica e vetro.

Il progetto coinvolge anche cinque Consorzi di filiera del sistema CONAI: Ricrea, CiAl, Comieco, Corepla e CoReVe. Ogni consorzio si occuperà della raccolta selettiva di specifiche tipologie di imballaggio: per l’acciaio, competenza di Ricrea, barattoli, scatolette, tappi e coperchi; per l’alluminio, competenza di CiAl, lattine per bevande; per carta e cartone, competenza di Comieco, cartoni per bevande; per la plastica, competenza di Corepla, bottiglie per bevande in PET; e per il vetro, competenza di CoReve, bottiglie e vasetti.

Ogni imballaggio conferito permetterà ai cittadini di accumulare punti per ottenere premi offerti dai cinque Consorzi: borse termiche offerte da Comieco con 1.000 punti; grucce in cartone offerte da Comieco con 180 punti; zaini offerti da CiAl con 800 punti; scalda collo offerti da Corepla con 400 punti; vassoi offerti da Ricrea con 400 punti; bottiglie in vetro riciclato riutilizzabili offerte da CoReVe con 300 punti.

“Siamo felici che, nel campo della raccolta selettiva, Bari diventi un esperimento che può avere rilievo nazionale ed essere replicato in altre città – ha dichiarato l’assessore comunale all’Ambiente Pietro Petruzzelli – Dobbiamo spingere sempre più verso questo tipo di raccolta: l’obiettivo condiviso con CONAI, che ha voluto puntare sulla nostra città, e con Amiu Puglia è quello di migliorare e alleggerire il sistema di raccolta dei rifiuti urbani, riducendo il volume dei materiali e selezionando soltanto alcune tipologie di imballaggio.”.

“Dopo le prime due installazioni a largo 2 Giugno, da oggi ve ne saranno altre in aree della città particolarmente frequentate – ha spiegato Paolo Pate dell’AMIU – Una sperimentazione che dura da un anno e mezzo e sta proseguendo con successo, all’interno di un più ampio processo di miglioramento e implementazione dei servizi, per una raccolta differenziata sempre più selettiva e virtuosa. Una sperimentazione che ha portato anche dati significativi: nel 2022 sono stati raccolti 280 kg di imballaggi poliaccoppiati, 9680 kg di imballaggi in vetro, 2220 in plastica e 400 in metalli; nel 2023 960 di imballaggi poliaccoppiati, 15990 in vetro, 4860 in plastica e 1630 in metalli.”.

Articoli correlati