Regali di Natale: ultimi acquisti ma attenti alle truffe

Regali ecosostenibili per il bene del pianeta, ma attenti alle truffe.

Sono tante le proposte per i regali di Natale. Tantissime tipologie, innumerevoli proposte, ma quante possono essere considerate ecosostenibili?

Idee regalo: la matita piantabile

regali natale
La matita piantabile di Sprout

Una proposta sicuramente ecosostenibile è la matita piantabile Sprout. Sono matite uniche al mondo perché quando si consumano e non si possono più impugnare, si possono piantare a testa all’ingiù e, in poco tempo, possono fiorire diventando erbe aromatiche, verdure e fiori.

L’idea nasce semplicemente dalla necessità di abolire la plastica: infatti, le penne in plastica, le biro o simili, sono ancora i prodotti più venduti e diffusi al mondo, se ne producono ben 135 milioni.

Le matite hanno nella punta una capsule di semi, minimo 4 e non sono OGM – che si dissolve nella terra. Si può scegliere tra 10 diverse varianti come basilico, timo, coriandolo, girasole, pomodori, margherite e non-tiscordar-di-me. La matita è anche personalizzabile.

LEGGI ANCHE: Presepi: guida alle più belle natività di Natale

La sede dell’azienda è a Copenhagen. La Sprout World è stata fondata nel 2013 dall’imprenditore danese Michael Stausholm.

Il cucchiaino da tè biodegradabile

Un’altra invenzione totalmente green dell’azienda è il cucchiaino da tè completamente plastic free che si getta nell’umido. È un cucchiaino pieghevole biodegradabile al 100%, realizzato con fibre naturali, con integrata una bustina di tè di qualità proveniente da coltivazioni che rispettano gli standard del Commercio Equo e Solidale. La bustina di tè si può avere nelle varianti nero alla vaniglia, verde allo zenzero e limone e alle erbe.

Ma anche a Natale le truffe possono essere dietro l’angolo, soprattutto se si acquista da internet.

Regali di Natale last minute: Truffe online, come difendersi

truffe online internet
Foto di Alexas_Fotos da Pixabay

L’azienda trevigiana Mobisec, che dal 2015 si occupa di cyber security in ambito mobile, ha lanciato sul mercato Mobiwall (disponibile gratuitamente su iOs Store, dal 2020 anche su Android), un’app che tutela la sicurezza del proprio Smartphone, progettata partendo dall’analisi dei più comuni errori che tutti compiono durante la navigazione.

La Polizia Postale nei mesi scorsi ha dato alcuni consigli agli internauti per evitare di cadere nelle truffe online, proponendo un decalogo di cose da fare per evitare acquisti pericolosi o non richiesti.

L’azienda propone altri 4 consigli per acquistare on line senza preoccupazioni, da aggiungere al decalogo della Polizia di Stato.

Consigli utili

Innanzitutto, se vediamo un’offerta in internet o nei social, non cliccare mai sul banner pubblicitario ma cercarla direttamente sul sito di riferimento. Spesso i contenuti Internet sono poco controllati e si tenta di attirare i compratori pubblicizzando sconti diretti delle grandi marche senza fare riferimento al negozio che li vende.

Poi, bisogna controllare la sintassi dei testi nei siti e negli annunci, perché molti siti truffaldini sfruttano traduttori gratuiti per i propri contenuti.

È necessario, inoltre, controllare il Paese da cui si sta acquistando, perché alcuni prezzi possono essere estremamente interessanti, ma se il prodotto proviene da fuori dell’Unione Europea, al momento del pagamento, i conti non tornano.

Infine, se l’offerta sembra sospetta, meglio cercare i punti salienti del testo online, perché molte truffe circolano da anni e in Internet si trovano le informazioni necessarie per non cadere nella trappola.

Articoli correlati