Input your search keywords and press Enter.

Reattori pericolosi: chiusura immediata

“Il nucleare è intrinsecamente insicuro e incidenti, malfunzionamenti e problemi capitano di continuo”. Così Giuseppe Onufrio, direttore Esecutivo di Greenpeace Italia, commenta i risultati del Nuclear Stress tests. Se la Commissione Europea consiglia di aumentare la sicurezza delle centrali nucleari dell’Unione senza prevedere la chiusura dei reattori più pericolosi, quest’ultima condizione è invece necessaria per Greenpeace. “Dalle indagini indipendenti – prosegue Onufrio – 13 centrali con 34 reattori andrebbero chiuse immediatamente o in breve tempo. Circa la metà dei reattori europei, inoltre, si trova in zone a rischio sismico e quindi in situazioni molto pericolose o perché prive di doppio contenimento o perché troppo vecchie per garantire gli standard di sicurezza necessari. I Capi di Stato e di Governo dovranno discutere delle valutazioni della Commissione sugli stress test a Bruxelles il 18 e 19 ottobre: chiediamo decisioni verso una progressiva chiusura del nucleare, anche nell’ottica della Roadmap 2050 dell’UE che prevede una larga prevalenza delle fonti rinnovabili per la metà del secolo”.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *