Input your search keywords and press Enter.

Realizzati interventi idrici nel territorio leccese

Sono stati realizzati dall’Acquedotto Pugliese una serie d’interventi nel territorio della provincia di Lecce. Sono stati ultimati, infatti, i lavori di realizzazione della condotta dell’impianto di sollevamento di Seclì al serbatoio di Sant’Eleuterio e delle opere di alimentazione alternativa del terzo lotto dell’Acquedotto del Sele. Sono stati avviati, inoltre, i lavori di estensione del sistema idrico integrato agli agglomerati costieri di S. Caterina, S. Isidoro, S. Maria al Bagno, Torre Inserraglio, Torre Squillace e Villaggio Boncore – Nardò e di completamento del sistema fognario della Località S. Maria al Bagno. Lo rende noto l’Assessore regionale alle Opere pubbliche e Protezione civile, Fabiano Amati.

Il primo intervento prevede la realizzazione del raddoppio della condotta premente che collega l’impianto di sollevamento di Seclì, in agro di Galatone, al serbatoio di Sant’Eleuterio, in agro di Parabita. La condotta si sviluppa per una lunghezza complessiva di circa 9,0 km. L’intervento previsto sul terzo lotto del Sele invece, si è reso necessario per permettere l’esecuzione dei lavori di risanamento di tutti i tratti in galleria del Canale Principale dell’acquedotto del Sele, attuabili  con la messa a secco del Canale per una lunghezza di circa 100 Km e per la durata di circa tre anni.  E’ stato completato, infine, l’intervento di completamento della rete fognante nella località di Santa Maria al Bagno del Comune di Nardò, che a fronte della variata consistenza del tessuto e dell’intero assetto viario risulta in alcune zone non del tutto sufficiente per la raccolta delle acque reflue.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *