Quali sono gli attrezzi necessari per la cura del giardino

tosaerba
Quando si deve scegliere il perfetto tagliaerba per prendersi cura del prato, bisogna fare mente locale sulla superficie a disposizione e sulla tipologia di terreno presente

Strumenti da lavoro e abbigliamento adatti fanno la differenza anche se vogliamo dare ai nostri spazi verdi un colpo d’occhio particolare. E a fine operazioni, ancora qualche accorgimento

È molto importante stare all’aria aperta e prendersi cura in maniera costante del giardino, poiché una simile attività oltre ad incrementare il senso di ordine nei propri spazi potrà essere d’aiuto nella ricerca del personale equilibrio (sia fisico che mentale). Immergersi nel rettangolo verde adiacente la casa, naturale continuazione dell’area living, chiudendo fuori il carico di stress che spesso si accompagna alle incombenze di lavoro, consente di contrastare gli stati d’ansia e inoltre migliora l’umore favorendo al tempo stesso la socializzazione. Per fare in modo che questo spazio sia sempre accogliente, occorre però dotarsi di alcuni specifici prodotti per la cura del giardino. Vediamo insieme quali sono.

La manutenzione di siepi, piante e alberi

Per fare in modo che a colpo d’occhio il giardino appaia sempre pulito e in ordine occorre innanzitutto dedicarsi alla manutenzione di siepi, piante e alberi. Nel primo caso si dovrà prestare attenzione ad eliminare con delle cesoie sia gli arbusti secchi che quelli fuori posto, proprio come nel caso delle piante e specie durante i cambi di stagione. Forbici da potatura e tosasiepi si riveleranno altrettanto utili. Per quanto riguarda invece gli alberi, si potrà ricorrere a motoseghe da potatura professionali non soltanto per eliminare rami secchi e per guidare la crescita della pianta ma anche per ridurre in pezzi la legna da utilizzare nei mesi più freddi bruciandola nel camino.

Tenere in ordine il prato e rimuovere le erbe infestanti

Quando arriva il momento di scegliere il perfetto tagliaerba per prendersi cura del prato, bisogna innanzitutto fare mente locale sulla superficie a disposizione e sulla tipologia di terreno presente su di esso. Occorre valutare anche la presenza di ostacoli e pendenze, così come di una presa di corrente (esistono modelli sia elettrici che a benzina). È essenziale fare in modo che le piante infestanti non si diffondano, dunque bisogna intervenire con gli estirpatori – che ci facilitano le operazioni senza farci sforzare troppo – e i sarchiatori, necessari per svolgere lo stesso compito e areare la superficie che così potrà assimilare meglio l’acqua.

Gli accessori per la protezione e i consigli per riporre gli attrezzi

Si dovranno acquistare anche protezioni adeguate per le mani e i piedi, in modo da evitare graffi o altri incidenti pericolosi. Per i lavoretti più leggeri si potrà optare per guanti in cotone, mentre per potare piante e siepi meglio guanti antitaglio spessi e in pelle. Stivali alti e scarpe con la punta rinforzata saranno utili specie su terreni accidentati, senza dimenticare cappelli e caschi oppure pratici marsupi.

Alla fine della stagione è bene riporre in un luogo chiuso e asciutto gli attrezzi e gli accessori da giardino. La cosa migliore sarebbe tenerli in una casetta nel ricovero attrezzi. Se invece disponete di un balcone potreste optare per un armadio in resina oppure un baule dello stesso materiale per conservarli al meglio. Altra soluzione può essere poi quella di una parete attrezzata, dove disporre mensole e ganci o altri supporti per appendere attrezzi, guanti e non solo. Per evitare che la ruggine o lo sporco rovinino l’attrezzatura, è infine buona norma pulire tutto dopo ogni utilizzo.

Articoli correlati