Input your search keywords and press Enter.

Putin allarga la zona protetta dell’Artico Russo

 

“Abbiamo intenzione di amplificare notevolmente i territori naturali protetti delle zone dell’Artico”, ha detto Vladimir Putin (nella foto) – fonte La voce della Russia -, intervenuto al Forum dell’Artico a Salechard,  la capitale del Circondario autonomo Jamalo-Nenec nella parte nord del Distretto Federale degli Urali, in Russia. Putin ha ricordato che attualmente questi territori corrispondono a circa il 6% dell’Artico russo, pari a 322mila km quadrati.

“Per noi è evidente che la priorità – ha continuato il presidente russo –, il principio chiave di sviluppo dell’Artico, deve essere la tutela della natura. Garantire il bilancio tra attività economica, presenza dell’uomo e protezione dell’ambiente”.

Le dichiarazioni di Putin dopo il tentativo di attivisti di Greenpeace di salire a bordo della piattaforma petrolifera di Gazprom nell’Artico, nei giorni scorsi. La Guardia Costiera russa dopo aver abbordato la nave di Greenpeace Arctic Sunrise ha arrestato i trenta membri dell’equipaggio, minacciandoli con le pistole. Tra di loro anche il napoletano Cristian D’Alessandro.

Vladimir Putin ha precisato che gli ambientalisti di Greenpeace “non sono pirati” ma li ha comunque accusati di aver “violato la legge internazionale” poiché, secondo il presidente, hanno “tentato di impadronirsi della piattaforma”.

Gli ecologisti sono ora in custodia cautelare in “centri di detenzione provvisoria” nei pressi di Murmansk, nell’estremo nord russo.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *