Puglia zona gialla. Dal 10 maggio prenotazioni aperte per la fascia 59-50 anni. Il piano vaccini dei prossimi giorni

vaccini a over 80 a Cavallino_1

Lopalco: zona gialla non è “liberi tutti”

“L’ordinanza del ministro Speranza che inserisce la Puglia nella “zona gialla” da lunedì 10 maggio non è un invito al “liberi tutti”. Lo dichiara l’assessore alla Sanità, Pier Luigi Lopalco. “Dovremo continuare a mantenere tutte le cautele, evitando gli assembramenti che in ogni caso restano vietati, igienizzando le mani, usando le mascherine e mantenendo la distanza in ogni luogo, aperto o chiuso che sia. La circolazione del virus resta alta e la pressione sulle strutture sanitarie è ancora pesante. Non dobbiamo sprecare l’opportunità di tornare al più presto alla normalità, grazie anche alla campagna vaccinale e all’avvicinarsi della stagione estiva. Diversamente ci sarebbe un brusco risveglio, con l’inevitabile ritorno alle restrizioni”.

Proprio la riuscita del piano vaccinale può contribuire a fare in modo che la Puglia resti in zona gialla. Intanto ecco cosa ci aspetta i prossimi giorni.

Le prenotazioni da lunedì 10 maggio

Saranno aperte da lunedì 10 maggio le prenotazioni delle vaccinazioni anticovid per la fascia 59-50 anni, a partire dai 59enni in ordine progressivo per età, come da indicazioni del Commissario straordinario per l’emergenza covid. La campagna vaccinale della Puglia si articola dalla prossima settimana su più livelli: priorità ai cittadini con fragilità che vengono vaccinati da medici di medicina generale e centri di cura specialistici; somministrazione delle seconde dosi nei tempi previsti dalle circolari ministeriali; completamento delle fasce over60 negli hub e centri vaccinali; avvio delle prenotazioni dai 59 ai 50 anni, gradualmente in ordine di età.

Persone con fragilità – Sono in via di completamento la vaccinazioni dei pugliesi con malattie rare e per raggiungere questo target i centri specialistici lavoreranno anche domani e domenica. Prosegue anche la copertura di tutte le persone dai 16 anni in su, individuate dal Piano nazionale vaccini anti-Covid-19 come particolarmente fragili. Parallelamente sono in corso le vaccinazioni dei caregiver.

Seconde dosi di vaccino – La Regione Puglia sta dando applicazione alla recente circolare del Ministero della Salute con la quale è stato trasmesso il parere tecnico del CTS in merito all’estensione dell’intervallo tra le due dosi dei vaccini a mRNA: secondo il Comitato tecnico scientifico è raccomandabile un prolungamento della somministrazione della seconda dose dei vaccini Pfizer e Moderna nella sesta settimana dalla prima dose.

Sono partite inoltre questa settimana le somministrazioni delle seconde dosi per tutto il personale scolastico e delle forze dell’ordine, due fasce di popolazione che erano state individuate come prioritarie dal piano nazionale: in Puglia interessano una platea di circa 100mila persone. La maggior parte di loro è stata vaccinata con Astrazeneca.

Completamento della fascia dai 60 anni in su – Da lunedi sarà riaperta la possibilità di prenotarsi negli hub e centri vaccinali di tutta la Puglia per tutte quelle persone dai 60 anni in su che non hanno ancora ricevuto il vaccino. Ogni singola Asl si sta attivando per raggiungere questa platea e portare a completamento nel minor tempo possibile la vaccinazione di questa fascia di popolazione

Apertura delle prenotazioni per la fascia di età dai 59 ai 50 anni – La platea dei pugliesi di età compresa tra i 59 e i 50 anni che devono ancora ricevere la prima dose di vaccino è di 469.832 persone. In linea con quanto stabilito a livello nazionale dal Commissario straordinario per l’emergenza covid, da lunedi 10 maggio saranno avviate le prenotazioni per le vaccinazioni dei 59enni, con criteri di gradualità e ferma restando la priorità per coloro che presentano comorbidità. Le modalità di prenotazione saranno comunicate entro domenica.

Da domani nelle Asl

L’ingresso dell’Hib vaccinale di Altamura

Istituto Tumori Giovanni Paolo II Bari – Da sabato a lunedì sono previste più di 700 somministrazioni (prime e seconde dosi) per i pazienti in cura. Sabato 8 maggio si vaccinerà dalle 9 alle 19. Sono in programma 258 richiami, per i pazienti che hanno ricevuto la prima dose ad inizio di aprile, e 60 dosi, per i pazienti in cura nelle unità operative di area medica (ematologia, oncologia medica, oncologia medica per la patologia toracica, tumori rari e melanomi). Domenica 9 maggio si vaccinerà, sempre dalle 9 alle 19, con 258 seconde dosi per i pazienti già vaccinati ad aprile e 60 prime dosi per i pazienti in cura nelle unità operative di area chirurgica (chirurgia generale, chirurgia ad indirizzo senologico, chirurgia toracica, urologica, cervico-maxillo facciale).  Lunedì 10 maggio si vaccinerà dalle 15 alle 19, con 126 seconde dosi e altre 30 prime dosi per i pazienti in cura nelle unità operative di area chirurgica.

Ad oggi, sono stati già sottoposti a vaccino i pazienti in cura nelle unità operative di ematologia, oncologia medica, oncologia medica per la patologia toracica, tumori rari e melanomi, chirurgia toracica mini-invasiva, radioterapia. Si procederà con le somministrazioni per tutti gli altri pazienti presi in carico dalle diverse unità operative dell’Istituto, attualmente in cura o che hanno sospeso le cure da 6 mesi, seguendo le indicazioni di priorità e di fascia di rischio definite dalla Rete Oncologica Pugliese. Insieme ai pazienti, sono stati vaccinati anche 1493 caregiver e conviventi.

Asl BAT –  Oggi è cominciata la somministrazione delle seconde dosi per i pazienti rari e i loro familiari che hanno ricevuto Pfizer: fino a domenica saranno vaccinati in 800. Intanto continua la somministrazione delle seconde dosi e la vaccinazione dei pazienti fragili: a Trani domani nell’hub PalaAssi i medici di medicina generale somministreranno circa 900 vaccini ai loro assisti fragili.

Asl Foggia –. Riaperte le agende di prenotazione per tutti gli over60 senza fragilità che non si sono ancora vaccinati. Da sabato inizieranno le somministrazioni delle seconde dosi agli operatori scolastici secondo la programmazione organizzata direttamente con i dirigenti scolastici.

Articoli correlati