Puglia: voragini minacciano abitato

Minacciato l’abitato di Lesina Marina, località turistica in Capitanata tra il lago di Lesina e il mare. A rischio anche edifici e monumenti storici. Questi i dati ad emergere nelle analisi  dell’Autorità di Bacino della Puglia. I tecnici hanno infatti constatato la presenza di quattro voragini che si sono di recente aperte mentre si sono aggravate le condizioni di altre due già esistenti.

Le rilevazioni sono state condotte nelle ultime ore in prossimità del Canale Acquarotta a Lesina Marina. A renderlo noto l’assessore regionale alle Opere pubbliche, nonché Presidente dell’Autorità di bacino della Puglia, Fabiano Amati, per il quale è ora necessario delocalizzare il centro abitato. I problemi che interessano il territorio di Lesina Marina consistono nell´apertura improvvisa di voragini legate alla geomorfologia gessosa del sito che, a contatto con il cloruro di sodio, produce un processo di scioglimento del gesso. Una situazione che si è aggravata con la realizzazione del canale Acquarotta: la maggior incidenza di infiltrazioni idriche ha infatti provocato una graduale diminuzione del livello di saturazione. A completare il tutto il cosidetto “stress tettonico”, come in gergo tecnico è definita la costruzione edilizia selvaggia.

Il fenomeno sembra dunque assumere una certa entità: «É irreversibile e sta assumendo tratti di drammaticità, – dichiara Amati – anche perchè le voragini si stanno aprendo in prossimità di chiese e case abitate e potrebbero causare crolli». Intanto una nota informativa è stata inviata al Dipartimento nazionale di Protezione civile, alla Prefettura di Foggia e al Sindaco del Comune di Lesina Marina.

Articoli correlati