Input your search keywords and press Enter.

Puglia: in giudizio contro trivellazioni nell’Adriatico

«Ancora una volta siamo costretti ad intervenire contro un decreto dei Ministri dell’Ambiente e dei Beni Culturali che autorizza l’avvio delle attività per lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi a mare». Commenta così Lorenzo Nicastro, assessore regionale all’Ambiente, la decisione della Puglia di costituirsi in giudizio per impedire che le trivellazioni nell’Adriatico diventino operative. La decisione arriva dopo l’assenso che il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, di concerto con il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, ha espresso – tramite decreto DVA-DEC-2011-0000126 del 29.03.2011 – circa la compatibilità ambientale del programma dei lavori presentata dalla società Petroceltic Italia srl, collegato all’Istanza di Permesso di Ricerca per Idrocarburi al largo delle coste abruzzesi e molisane. «Il Ministero – ha precisato Nicastro – non ha inteso coinvolgere la Regione Puglia nel procedimento sul falso presupposto che l’intervento avviene al largo delle coste dell’Abruzzo e del Molise. Tuttavia l’attività ricade in un’area posta nelle immediate vicinanze delle coste pugliesi e, in particolare, dell’area marina protetta delle Isole Tremiti e, pertanto, è nostra intenzione intervenire nella valutazione dei possibili impatti connessi alla realizzazione delle attività di che trattasi».

Print Friendly, PDF & Email