Input your search keywords and press Enter.

Puglia, è sviluppo sostenibile con eolico, fotovoltaico, turismo ed agro-alimentare

<p>Onofrio Introna, assessore all'Ambiente della Regione Puglia </p>

Onofrio Introna, assessore all'Ambiente della Regione Puglia

Acqua, rifiuti e parchi naturali sono alcune risorse che fanno di una regione come la Puglia uno degli esempi di territorio modello di sviluppo sostenibile. E’ la prima regione che produce energia da eolico o fotovoltaico. Abbiamo fatto il punto della situazione sulle politiche intraprese dal governo regionale e sulle modalità per svilupparle  con Onofrio Introna, assessore all’Ambiente della Regione Puglia.

Assessore, La politica regionale in materia di ambiente è chiara: si guarda non solo alle energie alternative. E’ così?

Siamo aperti soprattutto alle nuove sensibilità e alle tante preoccupazioni  che da più parti vengono per tutelare la qualità del nostro ambiente e della vita dei nostri cittadini. Un ambiente sano garantisce salute. La Regione Puglia è coerente con questo messaggio e la sua politica. Sono stati realizzati ben 15 parchi naturali. E’ coerente per aver fatto un’opzione forte e decisa sulla produzione di energie rinnovabili o eco-compatibili. E’ la prima regione che produce energia da eolico o fotovoltaico; si oppone con forza e decisione alle prospezioni marine al largo delle nostre coste per la ricerca di petrolio o gas perché sconvolgerebbero l’equilibrio del mare e darebbe un colpo mortale alla nostra economia basata sul turismo. Siamo fermamente contrari all’individuazione della Puglia come sito per la realizzazione di nuove centrali nucleari.

Circa le emissioni di Co2, quali sono gli impegni della Puglia?

Ritengo che la Puglia sia diventata la regione guida non solo in Italia ma in Europa. Con la nostra legge per abbattere le emissioni di diossina, abbiamo segnato una svolta e dimostrato come una collaborazione con le grandi aziende consente di raggiungere obiettivi straordinari in tema di qualità delle emissioni e di preservare la nostra atmosfera. Questo dimostra come non sono incompatibili una sana politica dell’ambiente con quella dell’occupazione e lo sviluppo.

<p>Le costanti emissioni di CO2 dell'impianto siderurgico Ilva di Taranto</p>

Le costanti emissioni di CO2 dell'impianto siderurgico Ilva di Taranto

Si stanno per concludere cinque anni di attività del Governo regionale. Quale bilancio può trarre?

Il bilancio è riassumibile nella legge antidiossina, quindici parchi che abbiamo realizzato, aver portato la Puglia ai vertici nella produzione di energia eolica e fotovoltaica. Abbiamo scelto di fare del turismo, della filiera agro-alimentare, un modello di sviluppo. Penso che sia esattamente questo quello che i pugliesi attendevano da noi e credo che abbiamo onorato questo impegno.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *